Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ENCI-LOWCARB — Risultato in breve

Project ID: 213106
Finanziato nell'ambito di: FP7-ENVIRONMENT
Paese: Francia

Consultare la società civile sulle misure per affrontare il cambiamento climatico

Le organizzazioni della società civile (CSO) hanno lavorato a fianco di alcuni ricercatori dell'UE per favorire la transizione dalla società odierna ad alta emissione di carbonio a una società più rispettosa del clima. Con l'aiuto delle CSO, sono stati formulati scenari energetici che delineano ipotesi di futuro a bassa emissione di carbonio, onde far accettare maggiormente a tali CSO le vie identificate per ottenere basse emissioni di carbonio.
Consultare la società civile sulle misure per affrontare il cambiamento climatico
Il progetto ENCI-LOWCARB ("European network engaging civil society in low carbon scenarios") ha sviluppato scenari a bassa emissione di carbonio che presentano ambiziosi obiettivi di riduzione dei gas serra (GHG). Il consorzio ha lavorato anche per creare una rete europea composta di varie CSO e istituti di ricerca. La "Low Carbon Societies Network" (Rete delle società a bassa emissione di carbonio) ha favorito un acceso dibattito sugli esistenti scenari energetici e sulle migliori pratiche. Avrà un valore inestimabile nella costituzione di una società a bassa emissione di carbonio.

Gli studi, condotti in Germania e in Francia, hanno esaminato scenari a bassa emissione di carbonio e il ruolo delle CSO. I ricercatori hanno studiato politiche energetiche e il relativo impatto sull'economia, sull'occupazione e sul prezzo delle merci. Le opinioni di soggetti interessati nazionali (sindacati, associazioni di consumatori, aziende private, ecc.) sono state integrate in innovativi strumenti di modellizzazione applicata. Gli strumenti sono stati utilizzati per creare scenari di mitigazione del cambiamento climatico e hanno incluso obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni GHG mediante modelli macroecnomici. I risultati hanno evidenziato il ruolo dei vari settori energetici nell'economia in senso più lato.

In Francia, lo studio si è incentrato su specifiche misure politiche, ad esempio leggi, imposte e incentivi economici, identificando anche gli ostacoli che impediscono al paese di divenire più rispettoso del clima. È stata anche sottolineata la necessità di una carbon tax (tassa sul CO2) che potrebbe dare l'avvio a finanziamenti per la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio. Imaclim-R (lo strumento di modellizzazione adottato) è stato sviluppato dal Centro internazionale di ricerca su ambiente e sviluppo (CIRED). Imaclim-R ha calcolato l'evoluzione dell'economia francese, dividendola in una serie di settori tra cui energia, trasporti, edilizia, industrie a intenso consumo di energia, agricoltura e servizi.

Lo studio tedesco si è concentrato sull'interazione a lungo termine tra le possibilità tecnologiche di mitigazione in diversi settori del sistema energetico del paese, nonché su considerazioni macroeconomiche generali. Remind-D (lo strumento di modellizzazione adottato) è stato sviluppato dall'Istituto di ricerca sull'impatto climatico (PIK) di Potsdam.

La consultazione dei soggetti interessati organizzata nell'ambito del progetto ENCI-LOWCARB ha evidenziato che le preoccupazioni relative a misure concrete, alle decisioni e a un'agenda di lavoro finalizzata a un futuro rispettoso del clima, variano in base al settore industriale di provenienza dei singoli soggetti. Sia nello studio tedesco che in quello francese sono state identificate diverse problematiche, tra cui l'affrancamento del trasporto di merci dalla crescita del prodotto interno lordo (PIL), le modalità per rendere accettabile lo smantellamento anticipato di centrali a carbone e la necessità di riconvertire gli edifici a fronte del cambiamento climatico.

Concentrandosi sul processo creativo piuttosto che sugli scenari ricavati, ENCI-LOWCARB è riuscito a dimostrare non solo cosa sia possibile dal punto di vista tecnico ed economico rispetto a un futuro a bassa emissione di carbonio, ma anche cosa sia fattibile e accettabile da parte dei soggetti interessati.

Informazioni correlate