Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

Articolo in primo piano

Finanziato nell'ambito di: FP7-ICT

Articoli di approfondimento - Un robot personalizzato per accompagnare gli anziani

Attualmente viene presentato in tutta Europa un compagno robot altamente personalizzabile, progettato da ricercatori finanziati dall'UE, per offrire sostegno alle persone anziane. Il robot potrebbe farsi strada nelle case della gente nel giro di due o tre anni, potenzialmente migliorando notevolmente la qualità della vita dei cittadini più anziani e delle persone con problemi di memoria o di mobilità.
Articoli di approfondimento - Un robot personalizzato per accompagnare gli anziani
Essendo una figura mobile semi-umanoide su ruote, dotata di telecamere, sensori, audio e un'interfaccia touch screen, il robot può ricordare agli utenti di prendere le medicine, suggerire di bere la bevanda preferita o di andare a fare una passeggiata o incontrare degli amici se non sono usciti da un po'. Come parte di un più ampio ambiente di casa intelligente, che può includere abbigliamento intelligente per monitorare i segni vitali, il sistema è in grado di monitorare la salute e la sicurezza dell'utilizzatore e avvertire i servizi di emergenza se qualcosa non va.

"In tutta Europa le popolazioni stanno invecchiando e molte persone hanno in qualche modo bisogno di cure, che possono essere fornite da professionisti in casa o in una struttura di assistenza, ma spesso è il partner della persona o un altro membro della famiglia a occuparsi dell'assistenza. Abbiamo notato che anche gli assistenti possono avere bisogno di un sostegno supplementare, soprattutto se sono anche loro anziani, e siamo dell'idea che la tecnologia possa aiutare", spiega Herjan van den Heuvel di Smart Homes, il Centro di competenza olandese su Home Automation e Smart Living, che ha supervisionato lo sviluppo del robot.

L'età media in tutta l'Unione europea degli attuali 28 Stati membri, che era di circa 41,2 anni nel 2011, è destinata ad aumentare a 47,6 anni entro il 2060, mentre il numero di ultrasessantacinquenni quasi raddoppierà a raggiungere il 29,5 % della popolazione, secondo le ultime proiezioni demografiche di Eurostat. Al contempo, la percentuale di ultraottantenni è destinato a triplicare entro il 2060.

Dato che anche le malattie legate all'età sono destinate ad aumentare in linea con questa tendenza, sempre più persone in tutta Europa avranno bisogno di cure e assistenza se vogliono mantenere la loro qualità di vita, rimanere in buona salute ed evitare l'esclusione sociale.

Il compagno robot sviluppato in oltre 33 mesi da un consorzio di istituti di ricerca, università e aziende di tecnologia in sette paesi europei - Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Svizzera e Regno Unito - aiuta a risolvere questi problemi. È solo uno dei tanti risultati ottenuti dal progetto MOBISERV ("An integrated intelligent home environment for the provision of health, nutrition and well-being services to older adults"), che ha ricevuto 2,75 milioni di euro di finanziamenti per la ricerca dalla Commissione europea.

Case intelligenti, vestiti intelligenti e supporto intelligente

"È stato un progetto molto ampio, abbiamo lavorato non solo sul robot, ma anche alla sua integrazione con un sistema di casa intelligente e vestiti intelligenti", fa notare Van den Heuvel.

I tessuti intelligenti - che possomo assumere la forma di capi indossabili o addirittura di lenzuola - includono una varietà di piccoli e leggeri sensori wireless per monitorare i segni vitali o i modelli di sonno, e possono anche rilevare se l'indossatore cade. L'ambiente casa intelligente, invece, consiste di sensori intelligenti, unità di lettura ottica ed elementi di domotica, per rilevare - tra le altre cose - modelli di mangiare e bere, modelli di attività e situazioni pericolose.

"Il sistema può essere utilizzato nella sua interezza, per chi ha bisogno di cure estese, oppure si possono utilizzare solo alcuni componenti per soddisfare le esigenze individuali. La tecnologia può quindi essere applicata in modo modulare e flessibile", dice Van den Heuvel.

Egli osserva, tuttavia, che il robot è probabilmente l'elemento più accattivante e innovativo del sistema.

Il compagno robot MOBISERV, basato su tecnologie di intelligenza artificiale e robotica d'avanguardia, è stato progettato soprattutto per offrire un supporto conoscitivo per gli utenti, offrendo promemoria e suggerimenti per aiutarli a condurre una vita sana e socialmente attiva.

"Non ha le braccia e quindi non potrà preparvi un caffè, ma potrà suggerirvi che forse vi andrebbe un caffè o qualche altra bevanda se non avete bevuto niente da un po", spiega Van den Heuvel.

Tramite il monitoraggio del comportamento dell'utente, il robot può imparare ad avvicinare gli utenti al momento opportuno, parlare con loro o fornire informazioni attraverso un'interfaccia touchscreen. Gli utenti possono rispondere a voce o attraverso il touchscreen. È in grado di offrire suggerimenti come "Hai fame?", "Non dimenticare di prendere le pillole nella scatola blu" o "Che ne dici di chiamare il tuo amico oggi?".

"Il modo in cui il robot si comporta, quello che dice, come lo dice e anche il tono di voce possono essere personalizzati", dice Van den Heuvel.

Fondamentalmente, il team MOBISERV ha creato un'interfaccia facile da usare per configurare il robot in modo che un badante, partner, membro della famiglia - o qualcun altro che conosce bene l'utente - possa personalizzarlo secondo le loro esigenze e preferenze, impostare tutto dal robot e il nome dell'utente, alla bevanda preferita dell'utente, i suoi amici e il tipo di carattere che il robot dovrebbe avere. Per il futuro i ricercatori prevedono anche la possibilità di personalizzare il design e il colore del robot.

Gli anziani e i loro assistenti sono stati coinvolti per tutta la durata del progetto, dalla consulenza sui requisiti di progettazione iniziale fino alla verifica dei prototipi finali. Durante le sperimentazioni lanciate all'inizio di quest'anno nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, i ricercatori hanno condotto studi approfonditi di valutazione degli utenti con il compagno robot, da test di usabilità in un laboratorio domestico, a prove di esperienza giornaliera in una casa di prova ed esperienze di più giorni nelle proprie case.

Un robot con personalità

"Le persone anziane sono state estremamente favorevoli al robot. Capiscono i benefici del supporto conoscitivo che esso fornisce e, se vivono soli, a loro piace anche l'idea di avere qualcosa con cui possono interagire. Per alcuni è quasi come un animale domestico con una propria personalita", dice Van den Heuvel.

Anche gli operatori professionali vedono i vantaggi, anche se tendono a essere un po' più scettici.

"Probabilmente si preoccupano che i robot possano sostituirli, ma questa non è affatto la nostra visione. Vediamo la tecnologia e i robot come un modo per aiutare loro e le persone di cui si prendono cura, non come un sostituto per le cure umane", spiega Van den Heuvel. "Molti accompagnatori, in particolare i familiari che hanno bisogno di prendersi cura di qualcuno 24 ore al giorno, sono affetti da burn out, questa tecnologia può aiutarli molto".

La costruzione di un prototipo di robot MOBISERV costa attualmente circa 10 000 euro, ma il prezzo dovrebbe scendere con l'avanzare della tecnologia e attraverso l'economie di scala se sono prodotti in gran numero. Van den Heuvel immagina che un compagno robot costerà circa 5 000 euro tra un paio d'anni.

I partner MOBISERV sono attualmente in cerca di finanziamenti per dare seguito al loro progetto e migliorare e perfezionare la loro idea, e per condurre prove di applicazione su scala più ampia.

MOBISERV ha ricevuto finanziamenti per la ricerca attraverso il Settimo programma quadro (7° PQ) dell'Unione europea.

Collegamento al progetto su CORDIS:

- 7° PQ su CORDIS
- Scheda informativa del progetto MOBISERV su CORDIS

Collegamento al sito web del progetto:

- Sito web del progetto "An integrated intelligent home environment for the provision of health, nutrition and well-being services to older adults"

Collegamento a video correlato:

- Video del progetto MOBISERV

Altri collegamenti:

- Sito web dell'Agenda digitale della Commissione europea

Informazioni correlate