Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Più mobilità e opportunità di carriera per i ricercatori

Una conferenza tenutasi in Belgio ha sostenuto la mobilità e l'evoluzione professionale dei ricercatori analizzando a fondo tematiche fondamentali e delineando raccomandazioni per il raggiungimento di questa visione.
Più mobilità e opportunità di carriera per i ricercatori
Un importante vantaggio dell'UE è che i suoi ricercatori possono viaggiare tra gli stati membri e lavorare in diversi paesi senza barriere né costrizioni. Ciò è cruciale per rafforzare l'economia della conoscenza europea, sostenere l'innovazione e aprire nuove opportunità di carriera ai ricercatori validi. In questo contesto il progetto CAMORE ("Conference on the careers and mobility of researchers") ha tenuto un incontro nel 2010 a Bruxelles, in Belgio, per promuovere la mobilità dei ricercatori e aprire nuovi orizzonti ai ricercatori europei.

L'evento di 2 giorni ha attratto oltre 350 partecipanti; quasi 50 relatori hanno presentato le loro ricerche e rivelato le migliori pratiche. Sono stati coperti numerosi settori d'impresa sia pubblici che privati, con particolare attenzione alle carriere nel campo della ricerca scientifica e innovativa. Più specificamente la conferenza ha analizzato gli indicatori di carriera e mobilità per misurare il progresso, le condizioni di lavoro, le assunzioni, l'equilibrio di genere, le pensioni e il ruolo delle piccole e medie imprese nella mobilità.

CAMORE ha inoltre esaminato la cooperazione tra l'industria e il mondo accademico nella formazione per la ricerca, nello sviluppo professionale e nella condivisione della conoscenza, oltre alla creazione di politiche nel settore e la protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Un altro importante obiettivo della conferenza era incoraggiare la trasparenza delle assunzioni e pubblicare offerte di lavoro su scala più ampia, rafforzando il sito web EURAXESS dell'UE, già progettato e attivo a tal fine.

L'evento si è concluso con raccomandazioni e progetti futuri per incoraggiare la mobilità dei ricercatori, non solo in Europa, ma anche con altre regioni del mondo. Lo Spazio europeo della ricerca si è già arricchito grazie a questi sforzi, che sono stati replicati in altre città. Con un numero crescente di ricercatori che si riuniscono e scambiano le proprie conoscenze nell'UE, aumenteranno i vantaggi provenienti da un'economia della conoscenza più forte grazie a una migliore innovazione.

Informazioni correlate