Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Formare i migliori biologi di domani sulle malattie infettive

Il continuo emergere di nuove infezioni richiede una risposta rapida e mirata. A tal fine è necessario comprendere i dettagli meccanicistici dell’interazione tra sistema immunitario e patogeni.
Formare i migliori biologi di domani sulle malattie infettive
La complessa interazione bidirezionale tra patogeno e ospite coinvolge molte cellule e vie molecolari. L’esito di questa interazione, cioè il controllo immunitario o lo sviluppo di malattie, è influenzato da fattori addizionali che includono la condizione dell’ospite.

L’urgente necessità di misure contro le malattie infettive si vede dal pesante prezzo di vite umane nei paesi in via di sviluppo, ma anche dalla minaccia del riemergere di vecchie malattie nei paesi industrializzati. Nuovi vaccini o nuove strategie per combattere le infezioni possono emergere solo attraverso un lavoro collaborativo e una formazione di alto livello della futura generazione di ricercatori.

L’obiettivo del progetto EIMID ITN (European initiative for basic research in microbiology and infectious diseases), finanziato dall’UE, era formare dieci ricercatori alle prime armi che si uniscano alla futura generazione di esperti mondiali in biologia delle malattie infettive. Dieci ricercatori sono stati formati in progetti interconnessi che studiavano i meccanismi dell’interazione ospite-patogeno. L’attenzione principale era rivolta alle infezioni batteriche invasive come le malattie da meningococco, le malattie diarroiche causate da batteri e la replicazione dell’HIV.

Nel corso del programma triennale di formazione gli scienziati a inizio carriera hanno studiato il modo in cui diversi antigeni metabolici espressi da Haemophilus influenzae non tipizzabile potevano essere utilizzati per sviluppare vaccini. Hanno studiato il ruolo delle proteine di superficie nella patogenesi dello Staphylococcus aureus, la replicazione dello Streptococcus pyogenes e la virulenza del patogeno batterico Listeria monocytogenes.

Altri progetti si sono incentrati sullo studio del ruolo delle cellule immunitarie in malattie come le infezioni da pneumococco e Neisseria meningitidis. L’analisi più approfondita delle funzioni delle cellule dell’ospite nelle malattie batteriche e virali ha svelato determinanti fondamentali della replicazione virale e fattori antibatterici prodotti dall’epitelio intestinale.

Questi progetti di alto valore scientifico sono stati accompagnati da ulteriori misure formative come la partecipazione a corsi su competenze, seminari, meeting e congressi scientifici. Nel loro insieme queste attività hanno plasmato gli scienziati di domani fornendo loro conoscenze inestimabili e la capacità di affrontare le malattie infettive del futuro.

Informazioni correlate

Keywords

Formazione, malattia infettiva, sistema immunitario, patogeno, ospite, vaccino