Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

VIVAC — Risultato in breve

Project ID: 261954
Finanziato nell'ambito di: FP7-SME
Paese: Svezia

Un nuovo adiuvante per le vaccinazioni

Un consorzio europeo ha testato l'efficacia di un nuovo adiuvante basato su carboidrati per la vaccinazione profilattica e terapeutica. Oltre a una maggiore efficacia, l'uso di questa semplice e poco costosa tecnologia permette di ridurre i costi della produzione dei vaccini, rendendoli più accessibili per i paesi in via di sviluppo.
Un nuovo adiuvante per le vaccinazioni
La richiesta di prevenzione delle infezioni attraverso vaccini profilattici o di utilizzare il sistema immunitario per modificare le risposte patogene, come avviene nei vaccini terapeutici, è enorme e spesso il ricorso a vaccini non ancora disponibili in forma ottimale rende necessario il ricorso agli adiuvanti, composti che riescono a potenziare la reazione immunitaria indotta nell'organismo.

Considerato il numero limitato di adiuvanti autorizzati attualmente nell'UE e negli Stati Uniti, vi è l'esigenza urgente di svilupparne di nuovi, idonei all'uso in vaccinazioni sia terapeutiche che profilattiche. Per questa ragione, i ricercatori del progetto VIVAC ("Viscogel - A chitosan based adjuvant for prophylactic and therapeutic vaccination"), finanziato dall'UE, hanno cercato di valutare la sicurezza e l'efficacia di un adiuvante basato su carboidrati (chitosano) denominato ViscoGel.

Il vaccino Act-Hib contro l'Heamophilus influenzae di tipo B che causa meningite batterica è stato utilizzato come modello di vaccino profilattico, mentre per la vaccinazione terapeutica si è scelto come modello il principale allergene pollinico della betulla Bet v1.

Gli scienziati hanno valutato le varie formulazioni sviluppate per il ViscoGel in termini di proprietà fisico-chimiche, di adesione e di permeazione, conducendo anche una valutazione di tossicità del ViscoGel e del ViscoGel-Act-Hib, seguita da una valutazione preclinica. La somministrazione dei vaccini per via sia subcutanea sia intramuscolare ha mostrato risposte umorali e cellulari potenziate e la caratterizzazione della risposta locale ha indicato una rapida infiltrazione dei granulociti, che potrebbe corrispondere a un'interazione con le cellule dendritiche e alla generazione della forte risposta immunitaria osservata.

Successivamente, il team ha testato la formulazione del ViscoGel–Act-Hib in una prova clinica, per valutare la sua efficacia nella vaccinazione profilattica. Nella somministrazione intramuscolare, il ViscoGel si è dimostrato sicuro e ben tollerato, con un positivo effetto adiuvante da parte del ViscoGel.

Gli esperimenti di valutazione preclinica del ViscoGel nei vaccini terapeutici hanno poi avvalorato la possibilità di utilizzare con esiti positivi l'adiuvante nella forma subcutanea per suscitare una migliore risposta immunitaria, tuttavia, nel caso di somministrazione sublinguale, gli scienziati non hanno rilevato un maggiore assorbimento delle cellule che presentano gli antigeni.

I dati del progetto VIVAC confermano l'ipotesi di utilizzare il ViscoGel come formulazione e sistema adiuvante semplice, sicuro e versatile per gli esseri umani, un impiego che risolverà in qualche misura le sfide che deve affrontare attualmente lo sviluppo di vaccini terapeutici efficaci per le malattie infettive e le allergie/cancro rispettivamente.

Informazioni correlate