Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Migliorare l'udito dei sordi

I ricercatori dell'UE hanno sviluppato la prima strategia di elaborazione dei suoni che prevede specificamente l'abbinamento di un impianto cocleare (IC) e di un apparecchio acustico, una soluzione che offrirà a molti bambini e adulti sordi la possibilità di migliorare la percezione del linguaggio.
Migliorare l'udito dei sordi
L'IC è un piccolo dispositivo elettronico che può ripristinare un certo livello di udito in persone gravemente sorde o con udito molto ridotto. La maggior parte degli individui con danni significativi all'udito mantiene comunque una funzionalità uditiva residua, una percezione del linguaggio che può essere leggermente migliorata tramite la stimolazione bimodale.

La stimolazione bimodale consiste nell'uso di un IC in un orecchio e nell'applicazione nell'altro di un apparecchio acustico che amplifica i suoni. Fino ad oggi, tuttavia, l'assenza di una strategia unificata per l'elaborazione bimodale del discorso aveva limitato notevolmente i risultati terapeutici.

Il progetto BSPS, finanziato dall'UE, si è proposto di superare questa lacuna, lavorando per migliorare la percezione musicale e il riconoscimento del linguaggio da parte degli ascoltatori bimodali. I partner del consorzio BSPS hanno sviluppato due diverse strategie di elaborazione del suono, utilizzando l'elaborazione del segnale audio per migliorare la modulazione o l'intensità del processo.

Quest'ultimo metodo consiste nella stima dell'intensità dei segnali audio in corrispondenza dei microfoni dei due dispositivi, l'IC e l'apparecchio acustico, come verrebbero percepiti da un ascoltatore normodotato, e nell'adeguamento dell'intensità dei segnali elettrici e acustici, in modo da fornire all'ascoltatore bimodale lo stesso livello di percezione.

L'applicazione delle strategie di elaborazione del suono sviluppate da BSPS dovrebbe migliorare la localizzazione della fonte sonora e portare a un utilizzo diffuso in oltre la metà dei pazienti dotati di nuovi IC con una parziale funzionalità uditiva residua.

Informazioni correlate