Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

NEWLANCER — Risultato in breve

Project ID: 295826
Finanziato nell'ambito di: FP7-EURATOM-FISSION
Paese: Romania

Una più stretta cooperazione con i nuovi venuti circa la ricerca sulla fissione

I nuovi Stati membri (NSM) rappresentano un potenziale ampiamente non sfruttato per la ricerca e lo sviluppo nelle tecnologie abilitanti dell’energia nucleare. Un’iniziativa finanziata dall’UE ha favorito una migliore integrazione delle loro competenze nella Comunità europea dell’energia atomica (Euratom).
Una più stretta cooperazione con i nuovi venuti circa la ricerca sulla fissione
Nonostante numerose iniziative dell’UE tese a incoraggiare la partecipazione dei NSM al programma Euratom, il loro coinvolgimento resta molto esiguo. In termini di bilancio, solo il 5 % delle sovvenzioni correlate del Sesto e del Settimo programma quadro (rispettivamente 6° PQ e 7° PQ), è stato trattenuto da tali paesi.

Per porre rimedio a tale situazione, un consorzio (in cui erano rappresentati istituti di ricerca, responsabili dell’implementazione e piccole e medie imprese dei NSM e di vecchi Stati membri (VSM)) ha aggregato le rispettive competenze. I 15 partner insieme hanno identificato le migliori soluzioni applicabili per incrementare la futura partecipazione dei NSM nella ricerca sulla fissione.

Nell’ambito del progetto NEWLANCER (“New MS linking for an advanced cohesion in Euratom research”), finanziato dall’UE, hanno lavorato lungo tre direttive, con lo scopo ultimo di stabilire una rete dinamica in grado di liberare il potenziale di ricerca di ciascun paese, approfondire la coesione tra istituti nei NSM e potenziare la cooperazione con i centri di ricerca dei VSM.

La rete NEWLANCER ha consentito di approfondire l’esame delle attuali capacità e difficoltà della ricerca nei NSM e ha identificato opportunità per future proposte di progetto. Queste ultime sono servite da punto di partenza per rafforzare la cooperazione a livello regionale e incrementare la coesione all’interno dell’Euratom.

Questa rete, articolata in 19 gruppi di esperti nazionali e 5 regionali, ha svolto la funzione di interfaccia con la direzione degli istituti e le autorità nazionali competenti per la ricerca, per favorire l’accesso a opportunità di finanziamento. D’altra lato, i punti di vista degli scienziati esperti sulle esigenze e sulle priorità della ricerca sono stati riferiti alle strutture europee che elaborano le strategie relative all’energia nucleare.

Una valutazione delle storie di successo sia nei NSM che nei VSM ha consentito al consorzio NEWLANCER di produrre linee guida circa le buone pratiche. Inoltre, le raccomandazioni rispecchianti le conclusioni del progetto sono state comunicate a un ampio gruppo di soggetti interessati allo sfruttamento del potenziale di ricerca.

NEWLANCER ha elevato il livello della ricerca in NSM rivolti verso lo sviluppo di reattori e la riduzione della radiotossicità delle scorie. Nel contempo, ha elevato il livello complessivo della capacità di ricerca europea con rilevanti vantaggi per l’UE e i suoi cittadini, in relazione a un’energia pulita, sicura e sostenibile.

Informazioni correlate

Argomenti

Nuclear Fission

Keywords

Ricerca sulla fissione, nuovi Stati membri, energia nucleare, Euratom, radiotossicità