Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

L4CW-DEMO — Risultato in breve

Project ID: 315068
Finanziato nell'ambito di: FP7-SME
Paese: Austria

Disinfettare le acque reflue con la luce UV

Le nostre risorse idriche sono sempre più contaminate da grandi quantità di acque di scarico dei processi industriali, c’è quindi urgente bisogno di un sistema di trattamento delle acque. Questa esigenza è anche oggetto di disposizioni normative europee, tra cui la direttiva quadro in materia di acque (WFD) e la direttiva sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (IPPC).
Disinfettare le acque reflue con la luce UV
Il progetto L4CW-DEMO (Demonstration of a novel system to breakdown hazardous substances in wastewater streams into harmless bio-friendly compounds using multi-chromatic UV light), finanziato dall’UE, ha sviluppato un sistema pilota conveniente in termini di costi per trattare in sicurezza i flussi di rifiuti organici tossici. Il sistema usa un avanzato processo di ossidazione basato su una fonte ultravioletta (UV) multi-cromatica per scomporre le sostanze pericolose in innocui composti biologici, senza generare prodotti secondari tossici.

I partner del progetto hanno sviluppato il processo di produzione per il sistema di lampade e la tecnologia del vetro necessaria. Sono state fabbricate sotto unità di vetro che sono state testate per la loro stabilità meccanica, l’emissione di UV e l’abilità di scomporre acque reflue artificiali. Inoltre, il consorzio ha aggiornato un database di acque reflue che trarrebbe beneficio dalla migliore efficienza in termini di costi di questo tipo di trattamento.

Il processo produttivo prevede numerose fasi, tra cui la modellazione del vetro, il riempimento della cavità di quarzo con gas fino al raggiungimento del valore di pressione necessario e la messa in sicurezza di tutte le operazioni automatizzate. Sono stati inoltre raccolti dati utili ai fini della conduzione di un’analisi del ciclo di vita dei prodotti.

Gli esperti hanno inoltre attuato protocolli di prova per garantire la qualità dei prodotti, occupandosi inoltre dell’ottimizzazione delle risorse energetiche impiegate nel reattore UV, nel tentativo di potenziare l’efficienza energetica. Il team ha sviluppato nuovamente parti di reattore UV per garantire che fossero adatte alla produzione automatica. I ricercatori hanno anche migliorato il sistema di controllo e rilevazione del processo che era stato sviluppato nell’ambito di un’iniziativa precedente.

Il consorzio è riuscito a ottenere una produzione automatica di reattori UV e ha ottimizzato l’unità di trattamento per quanto riguarda la rilevazione e il controllo. Ha dimostrato inoltre la nuova tecnologia di trattamento delle acque reflue UV nel corso di lunghi periodi di tempo.

Questo ha permesso la raccolta di dati di base per l’analisi del ciclo di vita dei prodotti e il calcolo degli investimenti da parte del cliente. Inoltre, l’uso del processo a luce multi-cromatica UV per trattare i materiali organici pericolosi nelle acque reflue e trasformarle in composti biologici è stato testato e dimostrato, ed è pronto per la commercializzazione.

La tecnologia di L4CW-DEMO produrrà importanti benefici per la società, riducendo l’inquinamento organico causato dai siti industriali prima di scaricare le acque nei sistemi fognari. Sarà possibile ridurre le spese delle imprese per lo scarico delle acque e in certi casi sarà permesso il riutilizzo dell’acqua. Inoltre tecnologie di trattamento delle acque reflue più economiche e rispettose dell’ambiente aiuteranno le regioni interessate da scarsità di acqua ad attrarre nuove attività industriali senza dover investire in altri siti di estrazione dell’acqua e di trattamento delle acque reflue.

Informazioni correlate

Keywords

Acque reflue, luce UV, trattamento delle acque, sostanze pericolose, biologico, multi-cromatico