Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

ECOPAT — Risultato in breve

Project ID: 262595
Finanziato nell'ambito di: FP7-SME

Reinventare il transpallet manuale

La riprogettazione del transpallet manuale (HPT), tesa all'ottenimento di un livello di leggerezza e di efficienza mai raggiunto finora, rappresenta una chiara dimostrazione dell'eccellenza industriale europea. L'utilizzo di nuovi materiali polimerici ha reso possibile la realizzazione di questo obiettivo.
Reinventare il transpallet manuale
I costi elevati dei materiali, dei macchinari e dei prodotti nel settore della movimentazione di materiali hanno condotto a un aumento significativo delle importazioni sia di materie prime sia di materiali e prodotti pronti all'uso dall'Asia. Un metodo per contrastare questa tendenza consiste nel creare materiali e plastiche innovativi e a elevate prestazioni per la produzione di attrezzature e di prodotti che si differenziano dalle importazioni a basso costo di manodopera dall'Oriente.

L'HPT rappresenta l'esempio perfetto di un prodotto fabbricabile all'interno dell'UE con materiali di plastica di qualità e in grado di offrire vantaggi importanti rispetto alle risorse più economiche provenienti dall'estero. Il progetto ECOPAT , finanziato dall'UE, è stato incentrato sull'utilizzo di nuove termoplastiche e sulla progettazione di un transpallet manuale che potenzia le prestazioni del settore della movimentazione e ne aumenta l'efficacia.

Partendo dall'enorme complessità di questo trolley apparentemente semplice impiegato per il sollevamento sicuro delle merci, l'iniziativa ECOPAT ha tentato di capire in che modo fosse possibile sfruttare materiali polimerici più leggeri nella produzione dell'HPT al fine di garantire un funzionamento ottimizzato. Gli esperti hanno utilizzato plastiche autorinforzate costituite da una matrice polimerica rinforzata con fibre, in grado di offrire un livello di resistenza e di rigidità fino a 3 o 5 volte superiore rispetto ai polimeri tradizionali.

Il team del progetto ha inoltre cercato di alleggerire ulteriormente il dispositivo, di potenziarne il ciclo di vita e l'impatto ambientale, oltre che di migliorare la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Per raggiungere gli obiettivi prefissati, i partner, che rappresentano una catena di approvvigionamento completa, hanno iniziato a studiare le poliolefine, i poliammidi e i poliesteri adatti all'applicazione oggetto di studio, occupandosi anche di altri aspetti, tra cui la capacità di carico utile, i limiti dimensionali, il peso, il rumore, la struttura, le proprietà termiche e la sicurezza.

Dopo un'intensa sessione di esperimenti condotti su vari materiali mediante l'utilizzo di nuove tecniche (ad esempio, il riscaldamento a induzione applicato alla compressione e allo stampaggio per iniezione), gli scienziati hanno realizzato un prototipo di transpallet manuale, sottoponendolo a prove in condizioni reali con un peso medio di 700-800 kg, che hanno dato esito positivo dimostrando la leggerezza, l'accessibilità, la manovrabilità e la facilità di utilizzo dello strumento.

Per la divulgazione dei risultati dell'iniziativa tra le parti interessate, sono stati organizzati vari eventi e utilizzati diversi strumenti mediatici che hanno consentito di dimostrare il funzionamento intuitivo e la facile commercializzazione della tecnologia. Gli esperti prevedono che il nuovo modello di HPT riuscirà ad aggiudicarsi il 5,6 % del mercato mondiale dei transpallet manuali entro il terzo anno successivo all'immissione nel mercato. ECOPAT rappresenta un esempio eccellente di come la differenziazione dei prodotti sulla base delle prestazioni e della qualità sarà in grado di contribuire alla creazione di un prezioso mercato di nicchia per i prodotti europei.

Informazioni correlate