Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP7

LIMITS — Risultato in breve

Project ID: 282846
Finanziato nell'ambito di: FP7-ENVIRONMENT
Paese: Italia

Gli impatti delle politiche sul cambiamento climatico

Le strategie di riduzione delle emissioni delle economie mondiali sono sufficienti per mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 °C?
Gli impatti delle politiche sul cambiamento climatico
Per rispondere a questa domanda, il progetto LIMITS (Low climate impact scenarios and the implications of required tight emission control strategies) ha indagato se le attuali politiche per la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico erano sulla strada giusta. Il consorzio ha condotto una rigorosa verifica di ciò che comportano le severe politiche per i cambiamenti climatici e di ciò che è necessario per superare i principali ostacoli.

Per la prima volta, una serie di modelli progettati per studiare l’interazione tra i settori dell’economia, dell’energia e dell’utilizzo del suolo e il clima (conosciuti come modelli di valutazione integrata) hanno unito le loro forze. L’obbiettivo era quello di studiare le conseguenze dell’attuazione degli accordi sul clima successivi al 2020 in tutte le economie più importanti.

Supportati da esperti locali, questi modelli globali hanno mostrato le conseguenze delle future legislazioni su clima, ambiente ed energia per le importanti economie di Cina, Europa, India, Giappone e Stati Uniti. La ricerca condotta da LIMITS ha aumentato considerevolmente la comprensione delle differenti sfide e opportunità che differenti paesi si trovano davanti quando decidono di combattere il cambiamento climatico. Mettendo a confronto differenti scenari politici, LIMITS è stato in grado di fornire la più esauriente valutazione basata su modelli delle implicazioni regionali della gestione del cambiamento climatico.

Il progetto ha stabilito la necessità di aumentare gli investimenti nelle energie più efficaci e a ridotte emissioni di CO2 portandoli a circa 1 100 miliardi di dollari all’anno. Tale aumento colmerebbe una carenza di circa 600 miliardi di dollari all’anno. È stato inoltre individuato un buco di 60 miliardi di dollari all’anno per gli investimenti nella ricerca sulle energie pulite e nei progetti di sviluppo.

I partner del progetto hanno valutato che altri fattori critici, come i tassi di riduzione delle emissioni, i tassi di penetrazione della tecnologia e l’eliminazione graduale di alcune tecnologie si stanno verificando in modo abbastanza rapido. Inoltre, i ricercatori hanno determinato che probabilmente le politiche sul clima ridurranno il commercio energetico globale, l’importazione di energia e anche il tasso di consumo delle risorse, e aumenteranno la diversificazione dei sistemi energetici. Questa situazione futura sarà particolarmente vantaggiosa per l’India, mentre gli Stati Uniti potrebbero dover rinunciare ad alcune opportunità di esportazione di combustibili fossili.

Ulteriori lavori si sono concentrati sull’interazione tra cambiamento climatico e inquinamento dell’aria, nonché sul ruolo dello sfruttamento del terreno nell’attenuazione del cambiamento climatico. Le informazioni raccolte consentiranno ai responsabili delle decisioni di valutare meglio costi e vantaggi di obiettivi climatici aggressivi e il modo migliore di implementare le politiche.

Informazioni correlate

Keywords

Cambiamento climatico, riscaldamento globale, impatto clima, controllo emissioni, modelli valutazione integrata