Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Bioplastiche: Materiali sostenibili per costruire una bioeconomia europea forte e circolare

Le bioplastiche stanno diventando un elemento fondamentale nella campagna per creare una bioeconomia del tutto sostenibile e circolare. L’UE sta attivamente supportando lo sviluppo di questi materiali attraverso una ricerca ambiziosa e collaborativa che punta a una maggiore diffusione che aiuterà a trasformare l’industria europea della plastica nel corso dei prossimi anni.
Bioplastiche: Materiali sostenibili per costruire una bioeconomia europea forte e circolare
Le plastiche dominano le nostre vite e si trovano in quasi ogni ambiente antropizzato. Le troviamo nei nostri vestiti, nelle nostre case, nei nostri posti di lavoro e in quasi in tutti i beni di consumo comuni – compresi giocattoli, televisioni, smartphone e computer, per nominarne solo alcuni. Nel corso del ventesimo secolo e anche dopo, la plastica è diventata un materiale veramente indispensabile per la civiltà moderna.

Sfide politiche e azione dell’UE

Tuttavia, le plastiche stanno diventando sempre più problematiche dal punto di vista ambientale e della sostenibilità. Si stima che entro il 2050, gli oceani del mondo potrebbero contenere più plastica che pesce (in peso) e che la produzione di plastiche rappresenterà una quota notevolmente aumentata dell’utilizzo globale di petrolio e delle emissioni di gas a effetto serra. L’attuale sistema della produzione di plastiche è principalmente lineare, con una forte dipendenza da materie prime fossili non rinnovabili, con bassi livelli di riutilizzo e riciclaggio, e presenta livelli elevati di perdite nell’ambiente circostante.

L’UE, attraverso il suo Piano d’Azione per l’Economia Circolare (CE), è impegnata a stimolare la transizione dell’Europa verso un’economia circolare che promuoverà la competitività, favorirà una crescita economica sostenibile e porterà alla creazione di nuovi posti di lavoro. In quanto rappresenta un’importante fonte di crescita e posti di lavoro, anche l’industria europea della plastica deve essere inclusa in questa transizione – e a questo scopo, la Commissione europea ha in programma di adottare una nuova strategia sulle plastiche nell’ambito del Piano d’Azione CE entro la fine del 2017.

Un’industria nuova ma in crescita

Le bioplastiche possono giocare un ruolo importante in questa transizione. Le bioplastiche, che comprendono un’intera famiglia di materiali con differenti proprietà e applicazioni, possono essere fatte a partire da risorse rinnovabili quali ad esempio colture o legno, o da flussi di rifiuti come ad esempio i residui delle lavorazioni alimentari.

Con la comparsa di materiali, applicazioni e prodotti più evoluti, il mercato globale sta già crescendo circa dal 20 al 100 % ogni anno. Entro il 2021, si prevede che l’Europa possiederà circa un quarto della capacità di produzione mondiale di bioplastiche.

Supportare le iniziative di ricerca europee

Questo CORDIS Results Pack mette in evidenza i risultati di otto progetti innovativi che hanno beneficiato di finanziamenti provenienti dal Settimo programma quadro (7° PQ) dell’UE e che stanno fornendo degli importanti contributi scientifici e innovativi a questa industria così eccitante e potenzialmente rivoluzionaria.

I progetti menzionati includono BIOREFINE-2G, che ha sviluppato dei processi commercialmente invitanti per la conversione efficiente di flussi secondari provenienti dalle bioraffinerie, da usare quali precursori per polimeri biologici tra cui polimeri biodegradabili. Nel frattempo il progetto BRIGIT ha prodotto nuovi biopolimeri su misura a partire da scarti lignocellulosici contenenti zuccheri per applicazioni resistenti al fuoco molto impegnative, mentre i ricercatori di SYNPOL si sono assunti il compito di promuovere la produzione sostenibile di nuovi polimeri dalle materie prime. Infine, il progetto EUROPHA puntava a ridurre il costo del biopolimero PHA e ad ampliare le sue applicazioni quale bioplastica per gli imballaggi alimentari compostabile al 100 %.

Attraverso questi e altri progetti che sono attualmente in corso nell’ambito del programma successore del 7° PQ, Orizzonte 2020, l’Europa è determinata a consolidare la sua posizione di principale attore globale nella produzione delle bioplastiche e a garantire che queste ultime diventino il materiale realmente sostenibile del ventunesimo secolo.
2017-10-20
Un ponte verso il mercato dei costituenti chimici a base biologica
L’UE sembra irremovibile nel suo intento di passare da un’economia basata sui combustibili fossili a una bioeconomia. Le attività di dimostrazione del progetto BIO-QED, che erano...
2017-10-18
Dai sottoprodotti del processo di lavorazione delle paste ai biopolimeri ad alte prestazioni
La fabbricazione di paste determina inevitabilmente la produzione di sottoprodotti. Tra questi rientrano i ligninsolfonati, che registrano un’ampia gamma di applicazioni, ma anche...
2017-10-18
Le microalghe sono le materie prime del futuro?
Il progetto SPLASH, finanziato dall’UE, ha dimostrato che le microalghe sono una possibile risorsa per la produzione sostenibile di materie prime per sostanze chimiche e plastica....
2017-10-18
Verso imballaggi alimentari più sostenibili
Ricercatori nell’ambito del progetto EUROPHA, finanziato dall’UE, hanno sviluppato delle formulazioni bioplastiche naturali e biodegradabili al 100 % per applicazioni nel settore...
2017-10-18
Creare un mercato per il glicerolo grezzo
Ricercatori mediante il progetto GRAIL, finanziato dall’UE, stanno sviluppando nuove tecnologie e utilizzi per il glicerolo grezzo, un sottoprodotto della produzione del biodiesel.
2017-10-18
Perfezionare la produzione biotecnologica dei chitosani
Ricercatori nell’ambito del progetto NANO3BIO, finanziato dall’UE, stanno utilizzando funghi, batteri e alghe appositamente ottimizzati per produrre i chitosani rispettosi...
2017-10-18
Costruire bioplastica a partire dai flussi di rifiuti
Ricercatori finanziati dall’UE hanno usato rifiuti organici, residui agricoli e altri flussi di rifiuti ricchi di carbonio per produrre bioplastica a prezzi competitivi. La...
2017-10-18
I flussi di rifiuti delle bioraffinerie sono una riserva di nuovi biopolimeri
Le bioraffinerie di seconda generazione mirano a creare valore dai rifiuti, sostenendo pertanto l’idea che un impianto ideale non debba tralasciare nulla. Partendo da questo...
2016-06-13
Accelerare la produzione di plastica verde
Scienziati finanziati dall’UE stanno tentando di velocizzare la produzione ecologica ed energeticamente efficiente di polimeri biologici, in modo da garantirne la realizzabilità dal...

Related Results Packs

2017-10-20
Tutti a bordo per una migliore gestione marina grazie alla ricerca e l’innovazione
La società umana dipende dal mare per una moltitudine di prodotti e servizi. Costituisce una fonte di cibo ed energia, facilita i trasporti di beni e persone e offre anche...
2017-10-16
Innovazione ed esplorazione attraverso la ricerca d’avanguardia sul microbioma
I microbiomi circondano tutto e tutti. Capire cosa sono i microbiomi, cosa fanno e come interagiscono è una nuova frontiera della scienza, resa ora raggiungibile grazie ai rapidi...
2017-01-16
La biomassa per stimolare la bioeconomia europea
L’UE promuove fortemente la crescita e lo sviluppo di una bioeconomia europea sostenibile, che ha tra i suoi aspetti principali una più ampia diffusione della biomassa – materiali...