Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tutti a bordo per una migliore gestione marina grazie alla ricerca e l’innovazione

La società umana dipende dal mare per una moltitudine di prodotti e servizi. Costituisce una fonte di cibo ed energia, facilita i trasporti di beni e persone e offre anche opportunità ricreative. Insieme allo sfruttamento dei mari però viene l’imperativo di approcci sostenibili, che devono raggiungere un equilibrio tra il vantaggio socio-economico e la protezione dell’ambiente. Quasi tre quarti del pianeta sono ricoperti d’acqua, quindi la posta è alta.
Tutti a bordo per una migliore gestione marina grazie alla ricerca e l’innovazione
Quando parliamo dell’ambiente marino, spesso lo facciamo usando un linguaggio che evoca l’idea di un ambiente strano e in un certo senso sconosciuto, dove c’è ancora molto da scoprire. Questo ha portato alcuni ad affermare che il mare – e non lo spazio – rappresenta la vera ultima frontiera. Quando si tratta di determinare la prevalenza e l’impatto dell’inquinamento marino o ricercare nuove forme di vita, è chiaro che molto rimane ancora da esplorare.

Un impegno coordinato per la gestione delle risorse

L’approccio dell’UE alle attività marittime è in centrato sulla inter-connessione di attività umane basate sul mare. Fondamentale per questo approccio è capire che i cambiamenti fatti a un aspetto del sistema possono influenzarne altri. Inoltre, vari enti sono stati incoraggiati a collaborare, per esempio con la condivisione di dati in vari settori politici, che può avere come risultato una valutazione più olistica dei rischi e delle soluzioni.

Oltre al lavoro condiviso, la chiave per il successo sarà la disponibilità di dati tempestivi, permessa da bio-sensori all’avanguardia e ai progressi dell’automazione, che possono offrire protocolli di pre-allarme. Allo stesso tempo c’è bisogno di mettere in pratica principi di gestione delle risorse per la sostenibilità, con approcci come la ricircolazione o il riutilizzo di materiali.

Capire meglio i processi ambientali, la biodiversità, le conseguenze delle attività umane (terrestri e marine) e del cambiamento climatico, come l'innalzamento del livello del mare, e le conseguenze socio-economiche della protezione marina, richiede un approccio multi-disciplinare. A questo fine, i programmi dell’UE come il 7° PQ e Orizzonte 2020 forniscono i finanziamenti necessari per interessanti iniziative di ricerca in tutta Europa.

Navigare gli sviluppi nella ricerca marittima dell’UE

Questo Results Pack presenta 12 di questi progetti innovativi, come i progetti SMS e BRAAVOO che si sono entrambi occupati di rilevare tracce di una serie di inquinanti marini, con biosensori in grado di trasmettere i risultati in tempo reale, a sostegno del processo decisionale del settore della pesca e dei frutti di mare e le autorità ambientali. SEA-ON-A-CHIP hanno adottato un approccio simile sviluppando un sistema di pre-allarme per contaminanti comuni che sono un pericolo per la salute e l’ambiente. SEA LITTER CRITTERS ha adottato un approccio più pratico per la lotta all'inquinamento, con un dispositivo che letteralmente cattura e lavora i rifiuti in mare, usando una tecnologia al plasma.

Alcuni progetti si sono concentrati maggiormente sullo sviluppo di modi per massimizzare l’efficienza delle imprese attuali. Per esempio, OCEANFISH ha sfruttato le correnti dell’oceano per consentire l’allevamento del pesce più a largo. Mentre TARGETFISH ha lavorato per fare in modo che i pesci di questi allevamenti rimanessero sani sviluppando vaccini con un mezzo di somministrazione efficace. ARRAINA ha studiato mangime a base di piante per i pesci di allevamento per ridurre la pressione sulle risorse marine, mentre IDREEM ha cercato di migliorare la produzione integrata del settore dell’acquacoltura europea per ridurre i rifiuti e incrementare la competitività.

Infine, due progetti cercano di dare forma al futuro, ma in modi molto diversi. PHARMASEA ha studiato le profondità inesplorate degli oceani e i microbi marini alla ricerca di nuovi composti che potrebbero costituire la base di nuove medicine. Nel frattempo, il progetto SEACHANGE ha usato attività di sensibilizzazione per promuovere la conoscenza del ruolo vitale che gli ambienti marini hanno nella nostra vita di tutti i giorni, rivolte alle comunità urbane dell’Europa.
2017-10-18
Potrebbe un grappolo di biosensori monitorare in modo efficiente un’ampia gamma di inquinanti dell’oceano?
Mettendo assieme nuovi biosensori, il progetto BRAAVOO finanziato dall’UE ha progettato un dispositivo per rilevare le tossine negli oceani. L’approccio sviluppato può rilevare una...
2017-10-18
L’acquaponica per garantire una produzione alimentare sostenibile
Ricercatori finanziati dall’UE hanno adottato con successo nuovi approcci tecnologici all’acquaponica basati su una combinazione di acquacoltura e idroponica e in grado di garantire...
2017-10-18
La piscicoltura in oceano aperto può produrre pesci più sani e meno inquinamento
Una PMI israeliana ha adattato il proprio sistema per abilitare la piscicoltura nei punti più lontani del mare. La sua soluzione innovativa sfrutta le correnti oceaniche per ridurre...
2017-10-18
Pulizia con gli animaletti che si nutrono dei rifiuti del mare
Potrebbe un “animaletto” automatizzato mangiare ed elaborare i rifiuti del mare con la tecnologia del plasma? Un progetto finanziato dall’UE ha voluto scoprirlo.
2017-10-18
Monitorare l’inquinamento degli oceani in tempo reale
Ricercatori finanziati dall’UE hanno sviluppato un dispositivo capace di rilevare le sostanze inquinanti marine e di segnalarle in tempo reale. Questo metodo fa risparmiare tempo e...
2017-10-18
Proteggere l’acquacoltura vaccinando i pesci
I ricercatori impegnati nel progetto TARGETFISH, finanziato dall’UE, stanno utilizzando vaccini per contribuire alla lotta contro l’insorgenza di malattie nelle specie ittiche...
2017-10-18
Valutare l’impatto della pesca a strascico per meglio proteggere i fondali marini
Ricercatori finanziati dall’UE hanno effettuato un’analisi approfondita di come la pesca a strascico può avere un impatto sulla vita del fondale marino. Questa ha fornito...
2017-10-18
Proteggere i frutti di mare dall’inquinamento delle acque
Nell’ambito del progetto SEA-ON-A-CHIP, finanziato dall’UE, i ricercatori hanno sviluppato un sistema di allarme rapido in grado di fornire un’analisi in tempo reale delle acque...
2017-10-18
Pensare blu – l’oceano e la nostra vita
Le popolazioni urbanizzate europee hanno una comprensione limitata dell’importanza degli oceani per la vita e dell’impatto umano sui mari. Un iniziativa finanziata dall’UE si...
2017-10-12
Approfondire le attività di scoperta delle biodiversità marine alla ricerca di nuovi trattamenti
Gli oceani del pianeta, benché detentori di enormi potenzialità circa la raccolta di composti chimici unici, non vengono ancora esplorati adeguatamente. Il progetto PHARMASEA,...
2017-05-03
L’effetto dei mangimi vegetariani sul pesce di allevamento
Il pesce pescato in mare viene usato come mangime nel crescente settore dell’acquacoltura europeo. Un’iniziativa finanziata dall’UE ha studiato questo utilizzo insostenibile delle...
2017-03-06
Nuova tecnologia e tecniche di gestione per stimolare l’industria dell’acquacoltura europea
L’acquacoltura è un settore in piena espansione, ma la crescita in Europa è in ritardo rispetto al resto del mondo. Un progetto finanziato dall’UE ha sviluppato nuovi concetti e...

Related Results Packs

2017-10-23
Bioplastiche: Materiali sostenibili per costruire una bioeconomia europea forte e circolare
Le bioplastiche stanno diventando un elemento fondamentale nella campagna per creare una bioeconomia del tutto sostenibile e circolare. L’UE sta attivamente supportando lo sviluppo...
2017-10-16
Innovazione ed esplorazione attraverso la ricerca d’avanguardia sul microbioma
I microbiomi circondano tutto e tutti. Capire cosa sono i microbiomi, cosa fanno e come interagiscono è una nuova frontiera della scienza, resa ora raggiungibile grazie ai rapidi...