Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Research*eu
magazine

Nº 77
NOV 2018
Special Feature
Ricaricati e pronti a viaggiare! I veicoli elettrici sulla strada giusta
Un’occhiata alle statistiche: i veicoli elettrici rappresentano solo il 2 % circa delle immatricolazioni nell’UE, il che potrebbe facilmente portarci a credere che ila loro diffusione di massa non sia ancora alle porte. Tuttavia, le recenti turbolenze nel settore automobilistico, i nuovi standard di emissione dell’UE e le nuove innovazioni potrebbero accelerare la transizione. Questo numero della rivista Research*EU illustra alcune delle più recenti scoperte tecnologiche in questo settore.
Ricaricati e pronti a viaggiare! I veicoli elettrici sulla strada giusta
L’era dei veicoli elettrici si sta finalmente avvicinando?
Ci sono sempre due facce della stessa medaglia e il mercato dell’automobile elettrica non fa eccezione. Da un lato, si potrebbe dire che il bicchiere è mezzo pieno, con le vendite europee che sono aumentate del 40 % nella prima metà del 2018. Tuttavia, il rovescio della medaglia riguarda il fatto che le automobili elettriche rappresentano ancora solo il 2 % di tutte le nuove iscrizioni ... Quindi se il futuro è davvero elettrico, non è ancora arrivato e non lo sarà per molto tempo.

Eppure, negli ultimi tempi ci sono stati alcuni segnali che puntano nella giusta direzione. Mentre standard di emissione UE sempre più severi hanno pesato per un po’ sui piani delle case automobilistiche, il cosiddetto «dieselgate» ha anche spinto l’agenda delle città europee a sbarazzarsi delle auto alimentate a diesel e persino di quelle alimentate a benzina in un futuro non così distante. Città come Parigi, Copenaghen e Oxford si sono impegnate a raggiungere questo obiettivo e ciò fornirà senza dubbio un impulso senza precedenti alle vendite di veicoli elettrici.

Per i centri di ricerca, le case automobilistiche e le PMI, è arrivato il momento di superare gli attuali ostacoli ad un’adozione più estesa sul mercato, in particolare la mancanza di infrastrutture (stazioni di ricarica), l’autonomia di guida limitata e incostante e la praticità. Mentre i primi due sono fattori abilitanti evidenti, il terzo è particolarmente importante nel probabile caso in cui le città saranno le prime ad adottare in modo massiccio i veicoli elettrici: la risposta dei clienti dipenderà in gran parte dalla praticità di guidare un veicolo elettrico in città, dove il traffico è un problema crescente e gli spazi per parcheggiare sempre più scarsi.

Il numero di questo mese della rivista Research*eu mette in evidenza gli strumenti per raggiungere questi obiettivi. Tra questi, la ricerca focalizzata sulla produzione di sistemi di riscaldamento meno avidi, batterie resistenti alla temperatura, soluzioni di ricarica rapida per autobus elettrici, tecnologia dei semiconduttori per rendere più efficienti i veicoli elettrici, una nuova generazione di veicoli elettrici leggeri (ELV, electric light vehicles) e propulsori ibridi innovativi. Come ultimo ma non meno importante aspetto, per ricordarci che la rivoluzione elettrica toccherà tutti i settori dei trasporti, esamineremo un nuovo traghetto completamente elettrico.

Saremo lieti di ricevere le vostre opinioni. Potete inviare domande o suggerimenti a: editorial@cordis.europa.eu

Also in this issue: