Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Innovazione per la terza età... un dovere per gli europei

Avvicinare gli anziani alla tecnologia è una delle priorità dell'UE. Il programma congiunto sulla Domotica per categorie deboli (AAL JP), che promuove prodotti e servizi innovativi per gli anziani, si è assunto il compito di affrontare questa sfida. Il 16 dicembre la Commiss...

Avvicinare gli anziani alla tecnologia è una delle priorità dell'UE. Il programma congiunto sulla Domotica per categorie deboli (AAL JP), che promuove prodotti e servizi innovativi per gli anziani, si è assunto il compito di affrontare questa sfida. Il 16 dicembre la Commissione Europea ha presentato una relazione sui progressi dell'AAL JP, che spiega in particolare come le piccole e medie imprese (PMI) hanno intensificato il loro coinvolgimento nei progetti, come i paesi partecipanti offrono un sostegno finanziario solido e come le raccomandazioni di fornire risultati positivi continua. Indirizzata al Parlamento europeo e al Consiglio dei ministri, la relazione contribuirà a rafforzare l'AAL JP, che è una delle azioni fondamentali dell'Agenda digitale per l'Europa. L'AAL JP promuove efficacemente la cooperazione tra l'UE, 20 Stati Membri e 3 Paesi Associati per migliorare il benessere dei cittadini anziani attraverso soluzioni intelligenti della tecnologia dell'informazione e della comunicazione (TIC), rafforzando così uno dei sette obiettivi dell'Agenda digitale. Per esempio, le soluzioni TIC contribuiscono alla sanità sostenibile. Gli investimenti in tecnologie digitali legate alla sanità, le cosiddette "eHealth", garantiscono l'accesso a una sanità alla portata della società europea che sta invecchiando. La relazione sottolinea anche come l'AAL JP può fornire il suo sostegno al Partenariato europeo pilota per l'innovazione (EIP) sull'invecchiamento attivo e sano, come stabilito nell'Iniziativa unione per l'innovazione. Entro i prossimi 30 anni, il numero di europei al di sopra dei 65 anni di età aumenterà di quasi il 40%. L'EIP, il cui lancio è in programma per il 2011, realizzerà tre obiettivi: migliorare la salute e la qualità della vita degli anziani; contribuire alla sostenibilità e all'efficienza dei sistemi sanitari e sociali; migliorare la competitività e le opportunità di business. "L'Europa si deve preparare per il futuro invecchiamento della sua società e l'uso dell'innovazione sarà uno degli strumenti a nostra disposizione," ha detto a novembre John Dalli, Commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori. "È per questo che sono molto contento che il primo partenariato sia sull'invecchiamento attivo e sano, esso comporterà una stretta collaborazione attraverso diverse politiche che coprono la salute pubblica, la ricerca, la politica digitale e industriale." Commentando l'AAL JP, il vice presidente della Commissione per l'Agenda digitale, Neelie Kroes, ha detto: "Sono lieta che i paesi partecipanti vedano l'AAL JP come un livello importante per affrontare il problema dell'invecchiamento demografico, come mostra il loro sostanziale impegno finanziario. "Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione sono fondamentali per il miglioramento delle vite del sempre maggior numero di cittadini europei anziani. Il programma AAL dimostra come, mettendo insieme le nostre risorse, l'UE possa ottenere molto di più in questo importante settore rispetto ai singoli Stati Membri." La prima valutazione dell'AAL JP da parte della Commissione si basa sulle conclusioni di una commissione ad alto livello che ha esaminato il programma congiunto sulla base del più ampio contesto dell'innovazione che risponde ai problemi demografici. La relazione sottolinea come l'AAL JP sia riuscito a riunire i 23 paesi partecipanti per affrontare i temi caldi riguardo la nostra società e a colmare la lacuna tra la ricerca innovativa e la presentazione sul mercato di un'ampia gamma di soluzioni per una vita attiva e indipendente nella vecchiaia. L'AAL JP offre soluzioni nuove che saranno pronte per essere utilizzate entro il 2013. Inoltre oltre 50 ricerche e progetti di innovazione che si occupano dell'interazione sociale degli anziani e della gestione delle malattie croniche sono stati lanciati negli ultimi 2 anni. Per esempio, gli anziani sono stati provvisti di robot a casa che eseguono i lavori domestici, dando così agli anziani la spinta di cui hanno bisogno per migliorare il loro benessere. Per ottenere maggiori risultati, il programma congiunto dovrebbe coinvolgere più utenti finali nei progetti nell'ambito dei quali si progettano le soluzioni, suggerisce la Commissione europea, aggiungendo che requisiti di idoneità e regole finanziarie più coerenti ridurrebbero gli ostacoli che possono rallentare i progressi dei progetti. La Commissione europea ha in programma di stabilire accordi finanziari per colmare il divario tra la "fase pilota" e l'assorbimento da parte del mercato. Promuoverà inoltre relazioni solide tra l'AAL JP e altri programmi europei finanziati dall'UE. In un altro sviluppo, la Commissione europea ha approvato un rapporto stilato da una commissione di esperti che invitano gli Stati Membri dell'UE e l'industria a rafforzare il loro sostegno ad ARTEMIS e ENIAC, due joint undertaking che si occupano di nanoelettronica e sistemi incorporati in vari campi. Secondo gli esperti, gli Stati Membri devono offrire più sovvenzioni e l'industria dovrebbe intensificare il suo sostegno alla strategia europea se si vuole il successo di ARTEMIS e ENIAC. "ENIAC e ARTEMIS si stanno rivelando preziosi per la crescita e la competitività dell'Europa. Ma per continuare il successo europeo nel campo della nanoelettronica e dei sistemi incorporati dovremo riunire più risorse. L'industria e gli Stati Membri dell'UE devono investire il doppio nei prossimi 3 anni di quanto hanno fatto fino ad ora se desideriamo raggiungere le nostre ambizioni iniziali di programmi per 2,5-3 miliardi di EUR," ha detto il commissario Kroes. I settori pubblico e privato stanno spendendo oltre 1 miliardo di EUR per la ricerca e l'innovazione per l'invecchiamento: 600 Mio EUR nell'AAL JP; circa 400 Mio EUR nel programma quadro per la ricerca dell'UE e oltre 50 Mio EUR nel Programma di sostegno alla politica in materia di TIC.

Articoli correlati