Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Ricerca neuroscientifica in Europa

La Commissione europea ha pubblicato la relazione finale del gruppo di lavoro ad hoc COST sul coordinamento neuroscientifico in Europa. La relazione, intitolata "Neuroscience in Europe" (Neuroscienza in Europa), fornisce un panorama dell'attività attualmente svolta in campo ne...

La Commissione europea ha pubblicato la relazione finale del gruppo di lavoro ad hoc COST sul coordinamento neuroscientifico in Europa. La relazione, intitolata "Neuroscience in Europe" (Neuroscienza in Europa), fornisce un panorama dell'attività attualmente svolta in campo neuroscientifico e propone alcune possibili aree prioritarie di cooperazione tra laboratori neuroscientifici europei. Il gruppo di lavoro ad hoc COST per il coordinamento neuroscientifico in Europa è stato istituito nell'ottobre 1992 e si è riunito per la prima volta nel febbraio 1993. Il suo compito consisteva: - nell'identificare la situazione della neuroscienza in Europa; - nel redigere un elenco delle attività in corso, possibilmente con l'aiuto dei servizi della Commissione; - nel preparare il terreno che avrebbe permesso di svolgere ricerca in campo neuroscientifico in vari organismi cooperativi europei, raccomandando utili aree di ricerca comune future e gli organismi più adatti a svolgere il lavoro. La relazione del gruppo contempla dodici aree principali di ricerca neuroscientifica: - neurobiologia dello sviluppo; - neurobiologia molecolare; - trasformazione sensoriale; - controllo nervoso del movimento e comportamento motorio: funzionalità normale e malattia; - regolazione SNC del sistema simpatico; - neuroendocrinologia e neuroimmunologia; - aree di neuroscienza cognitiva in Europa; - apprendimento e memoria; - neuroscienza e disordini mentali; - invecchiamento; - malattie neurodegenerative; - danni al cervello e al midollo spinale. Due aree risultano particolarmente adatte ad un approccio transnazionale da parte di laboratori cooperanti: si tratta di aree in cui i neuroscienziati europei hanno già svolto ricerche avanzate, ma per il cui progresso ulteriore occorre una cooperazione internazionale: - processi di crescita e di riparazione nel sistema nervoso centrale; - neurobiologia della cognizione e della percezione.