Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Lancio del programma EU-PHARE CREDO

Il programma EU-PHARE CREDO è stato lanciato per lo sviluppo di regioni frontaliere tra i paesi dell'Europa centrale (PEC) e tra i PEC ed i Nuovi Stati indipendenti (NSI). Gli obiettivi del programma sono di promuovere il buon vicinato, la stabilità sociale e lo sviluppo economico di queste regioni frontaliere.

L'invito a presentare proposte fa seguito ad un ciclo pilota dell'estate 1997 ed ha una dotazione di 7,7 milioni di ECU. Due saranno i tipi di progetto finanziati:

- "progetti soft" che coinvolgono la cooperazione negli scambi didattici, consigli di esperti, lo sviluppo economico e commerciale e lo scambio di informazioni. Il contributo complessivo dell'Unione ammonterà al 90% dei costi del progetto;

- "progetti hard" che coinvolgono infrastrutture su scala ridotta, a patto che l'infrastruttura sia parte integrante di un progetto di cooperazione frontaliera. Complessivamente il contributo dell'Unione europea ammonterà all'80% dei costi del progetto.

Le attività idonee variano e comprendono attività nel campo dello sviluppo economico, dei servizi urbani e regionali, delle risorse umane, dell'ambiente e del governo locale e regionale. Anche i progetti di infrastrutture possono essere considerati idonei a ricevere sostegno, ma i progetti commerciali non saranno finanziati.

I candidati idonei sono le organizzazioni PEC non a scopo di lucro situate nelle 36 regioni frontaliere interessate. Devono essere responsabili a livello locale e possono essere del settore pubblico o privato, come ad esempio amministrazioni locali, camere di commercio, istituti per l'istruzione e organizzazioni non governative.

Informazioni correlate

Programmi