Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Rassegna dei finanziamenti comunitari nel settore energetico nel periodo 1995-1997

La Commissione europea ha pubblicato una comunicazione che descrive gli aiuti finanziari concessi dall'Unione europea, nel periodo 1995-1997, al settore dell'energia. Tale rassegna intende fornire un contributo al dibattito sulla politica energetica in Europa, sia a livello di...
La Commissione europea ha pubblicato una comunicazione che descrive gli aiuti finanziari concessi dall'Unione europea, nel periodo 1995-1997, al settore dell'energia. Tale rassegna intende fornire un contributo al dibattito sulla politica energetica in Europa, sia a livello di Unione europea, dove sono in atto discussioni in merito alla realizzazione di un programma quadro sull'energia che riunirebbe svariati programmi comunitari nel settore dell'energia, sia a livello nazionale, dove occorre coordinare meglio le attività al fine di soddisfare le esigenze comunitarie in termini di approvvigionamento energetico e di protezione ambientale.

Secondo la rassegna, nei tre anni 1995, 1996 e 1997, gli aiuti comunitari non rimborsabili al settore dell'energia hanno raggiunto l'importo di 4.656 milioni di ECU. Oltre un terzo di tali aiuti (1.879 milioni di ECU) sono stati destinati alla ricerca e sviluppo nel settore dell'energia, per esempio mediante il programma di RST nel settore dell'energia non nucleare (JOULE/THERMIE) e le attività nei settori della fissione nucleare e della fusione nucleare. I Fondi strutturali hanno destinato 1.500 milioni di ECU ai progetti nel settore dell'energia mentre altri 823 milioni di ECU sono stati stanziati nello specifico settore attraverso gli strumenti comunitari di cooperazione internazionale. Ulteriori 10.229 milioni di ECU sono stati stanziati nello stesso periodo sotto forma di prestiti, principalmente dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).

La comunicazione fornisce anche una ripartizione per programma delle spese, nel corso del periodo in esame, nonché opportune ripartizioni per settore e paese. A titolo di esempio, mostra il finanziamento complessivo dei Fondi strutturali al settore energetico in ciascuno Stato membro. Per quanto concerne la cooperazione internazionale, fornisce la ripartizione per regione della destinazione di sovvenzioni e prestiti.

Informazioni correlate

Programmi