Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

L'industria britannica dà risalto all'importanza dell'innovazione per il successo dell'UE

"La valorizzazione della ricerca e sviluppo, nonché di altre idee, è l'essenza stessa dell'innovazione" afferma Adair Turner, Direttore generale della CBI (Confederation of British Industry), l'organismo che rappresenta l'industria nel Regno Unito. In una recente intervista ac...
"La valorizzazione della ricerca e sviluppo, nonché di altre idee, è l'essenza stessa dell'innovazione" afferma Adair Turner, Direttore generale della CBI (Confederation of British Industry), l'organismo che rappresenta l'industria nel Regno Unito. In una recente intervista accordata a CORDIS, Turner ha sottolineato il fatto che "la R&S da sola non crea ricchezza, né genera occupazione o migliora la qualità di vita dei cittadini europei".

Secondo Turner, i governi e la Commissione europea devono concentrarsi sulla creazione di un ambiente favorevole alla ricerca e all'innovazione. Egli esorta al completamento del mercato unico in Europa, in quanto fase significativa per il potenziamento dell'innovazione. L'altro importante fattore su cui i governi possono esercitare la loro influenza è rappresentato dalle persone, incoraggiandone e sostenendone la formazione e l'acquisizione di competenze.

La ricerca finanziata dall'UE può fare la differenza in due settori chiave, sostiene Turner. "In primo luogo, molte industrie in tutta l'Europa possono trarre vantaggio dalla collaborazione paneuropea". Quindi abbiamo il continuo sviluppo degli individui mediante schemi quali il programma Formazione e mobilità dei ricercatori (FMR). "Nel Regno Unito", dice Turner, "abbiamo riscontrato con la massima certezza che la migliore forma per il trasferimento di tecnologia passa attraverso le persone".

Venendo al Quinto programma quadro, Adair Turner accoglie favorevolmente la riduzione del numero di programmi specifici, che secondo lui semplificherà il compito delle società che intendono parteciparvi. "Il fattore chiave", sostiene Turner, "sarà la funzione e la composizione dei gruppi consultivi esterni, nonché il grado di influenza che questi possono esercitare sulla forma e sul contenuto delle azioni chiave".

Il testo integrale dell'intervista a Adair Turner può essere trovato sul servizio di informazioni R&S CORDIS della Presidenza britannica, all'indirizzo:

http://cordis.europa.eu/uk/en/src/interta.htm

Informazioni correlate

Programmi

Paesi

  • 271485480