Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I ministri fanno progressi nelle discussioni sul Quinto programma quadro

Le discussioni sui diversi elementi che costituiscono il prossimo Quinto programma quadro di RST sono nuovamente state al centro della riunione del Consiglio per la ricerca, tenutasi in Lussemburgo il 22 giugno 1998. Nell'ambito di tutte le varie decisioni che devono essere pr...
Le discussioni sui diversi elementi che costituiscono il prossimo Quinto programma quadro di RST sono nuovamente state al centro della riunione del Consiglio per la ricerca, tenutasi in Lussemburgo il 22 giugno 1998. Nell'ambito di tutte le varie decisioni che devono essere prese prima della fine del 1998 al fine di poter lanciare il programma secondo quanto previsto, i Ministri della Ricerca dell'Unione europea hanno potuto compiere progressi sostanziali in diverse aree e questo dovrebbe aiutare a rispettare la tabella di marcia.

Poiché il Parlamento europeo ha terminato unicamente la seconda lettura della proposta generale del programma quadro una settimana prima della riunione del Consiglio, non è stata discussa formalmente. I punti principali all'ordine del giorno erano le proposte per gli strumenti che apporteranno dettagli al programma quadro: le regole per la partecipazione e la divulgazione dei risultati della ricerca ed i programmi individuali specifici.

Le regole per la partecipazione disporranno condizioni uniformi per aziende ed organizzazioni che desiderino partecipare al programma quadro, laddove ogni programma specifico nei diversi campi di ricerca sarà regolamentato dalle stesse norme. Per quanto riguarda la divulgazione dei risultati della ricerca provenienti da progetti finanziati dall'Unione europea, le norme stabiliscono le condizioni di sfruttamento ed i diritti di proprietà intellettuale collegati a tali risultati - una considerazione maggiore ai progetti che coinvolgono partner provenienti da diversi paesi. Il Consiglio ha adottato una posizione comune in merito a tali norme, che sarà ora trasmessa al Parlamento europeo per la seconda lettura.

Nel mese di maggio 1998, la Commissione ha adottato proposte per dieci programmi specifici, corrispondenti ai quattro programmi tematici e ai tre programmi orizzontali nel contesto del Quinto programma quadro, più due per azioni dirette condotte dal Centro comune di ricerca (CCR) e una per la ricerca sull'energia nucleare. Le decisioni su di esse non possono essere adottate formalmente fino a quando il Parlamento europeo non ha espresso la propria opinione in merito e non è stata adottata la decisione generale sul programma quadro. Detto questo, i ministri sono stati in grado di raggiungere un accordo sulle clausole comuni a tutti i programmi e su tre delle dieci proposte: società dell'informazione accessibile, ricerca sull'energia nucleare e innovazione e PMI. Quanto svolto nella riunione del Consiglio aiuterà a garantire che tutte le decisioni necessarie al Quinto programma quadro possano essere adottate prima della fine del 1998.

I ministri hanno anche discusso aspetti relativi alla gestione dei programmi, richiedendo alla Commissione di ridurre i costi amministrativi del programma ad una parte della dotazione complessiva inferiore a quella indicata nel Quarto programma quadro. Facendo seguito al colloquio di aprile, nel quale i Ministri hanno discusso in modo approfondito la gestione del programma, il Consiglio ha adottato conclusioni approvando gli sforzi della Commissione rivolti a migliorare la gestione dei programmi di ricerca dell'Unione europea, e le intenzioni di costruire su tali sforzi. Il Consiglio ha appoggiato i programmi avanzati dalla Commissione a tale riguardo, in particolare relativamente all'istituzione di organismi consultivi esterni, alla maggior trasparenza, allo sveltire le procedure e al miglioramento dell'efficacia delle valutazioni sull'efficacia del programma.

Altri argomenti affrontati dal Consiglio riguardavano:

- una risoluzione sulla collaborazione tra l'Unione europea e l'Agenzia spaziale europea volta a rafforzare il lavoro europeo nel settore spaziale;
- una decisione relativa all'estensione dell'accordo ITER (reattore termonucleare internazionale) tra l'Unione europea, gli Stati Uniti, il Giappone e la Russia per altri tre anni (fino al luglio 2001), in linea con le proposte del Quinto programma quadro in materia di ricerca sulla fusione nucleare;
- l'autorizzazione alla Commissione per negoziare con la Cina un accordo di cooperazione scientifica e tecnologica inteso a consentire una ricerca comune nei campi rientranti nel Quinto programma quadro;
- l'autorizzazione alla Commissione di negoziare un'estensione dell'attuale accordo di cooperazione con il Canada, che riguarderà tutti i settori del Quinto programma quadro.

Informazioni correlate