Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Proposte volte a regolamentare le sostanze che distruggono l'ozono

La Commissione europea ha adottato una proposta di nuovo regolamento sulle sostanze che distruggono l'ozono; questo rappresenta un importante passo avanti nell'attuazione, da parte dell'Europa, dell'impegno a proteggere lo strato di ozono, preso nel contesto del protocollo di ...
La Commissione europea ha adottato una proposta di nuovo regolamento sulle sostanze che distruggono l'ozono; questo rappresenta un importante passo avanti nell'attuazione, da parte dell'Europa, dell'impegno a proteggere lo strato di ozono, preso nel contesto del protocollo di Montreal relativo alla convenzione quadro sul cambiamento climatico.

Nel corso degli ultimi inverni sono state constatate nell'Europa del Nord perdite di ozono fino al 40% che hanno provocato un aumento delle radiazioni ultraviolette con effetti secondari dannosi, quali tumori della pelle e minor crescita colturale. Al fine di limitare le future perdite di ozono causate dall'immissione nell'atmosfera di talune sostanze, la Commissione cerca di garantire il completamento del quadro normativo e la sua piena attuazione.

Le proposte comprendono i seguenti elementi di rilievo:

- eliminazione del bromuro di metile entro il 2001, con esenzioni per usi critici;
- il divieto d'impiego del HCFC, con l'eliminazione entro il 2003 dell'uso nelle schiume poliuretaniche e nei solventi ed entro il 2001 nei nuovi impianti di refrigerazione;
- l'arresto della produzione di HCFC e l'abbassamento dei limiti di commercializzazione;
- il divieto di usare e vendere CFC ed altre sostanze completamente alogenate;
- un sistema di licenze di esportazione per gli scambi restanti di sostanze che distruggono l'ozono.