Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Politica della ricerca e sviluppo tecnologico nei paesi del Mediterraneo meridionale

L'Istituto di prospettiva tecnologica del Centro comune di ricerca della Commissione europea ha pubblicato uno studio in materia di politica della ricerca e di sviluppo tecnologico nei paesi del Mediterraneo meridionale. La relazione rientra negli impegni presi dall'Istituto d...
L'Istituto di prospettiva tecnologica del Centro comune di ricerca della Commissione europea ha pubblicato uno studio in materia di politica della ricerca e di sviluppo tecnologico nei paesi del Mediterraneo meridionale. La relazione rientra negli impegni presi dall'Istituto di prospettiva tecnologica nel campo delle questioni mediterranee e fa seguito alla pubblicazione del documento "Politica in materia di scienza e tecnologia nei paesi del Mediterraneo meridionale: Egitto, Giordania, Tunisia e Turchia" (vedere RTD-News/RST Informazioni RCN-8208).

Nella relazione sono presentati i risultati e l'analisi di un questionario predisposto dall'Istituto di prospettiva tecnologica per incarico della DG XII e trasmesso alla fine del 1996 ai rappresentanti di 12 paesi del Mediterraneo orientale e meridionale, nel quadro del partenariato euro-mediterraneo nel campo della scienza e della tecnologia.

Il questionario, che ha ottenuto un tasso di risposta dell'83%, doveva servire a valutare la politica della ricerca nazionale in tutti i paesi, nonché l'impatto di questa sullo sviluppo tecnologico. Le domande erano articolate in tre capitoli principali, che comprendevano obiettivi della politica di RST, gestione, finanziamento ed attuazione in cooperazione con l'Unione europea.

Il panorama ottenuto rivela, nei paesi esaminati, una grande diversità di situazioni in fatto di R&S, sia sotto il profilo del fattore umano che delle risorse finanziarie. In linea di massima le strategie esistono e le strutture di coordinamento sono pronte. La spesa è ovunque bassa, fatto salvo per Israele, Algeria e Tunisia. In generale, la cooperazione tra i paesi del Mediterraneo e l'Unione europea è assai sviluppata, mentre non lo è altrettanto tra i diversi paesi partner del Bacino mediterraneo.

Informazioni correlate