Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

CCR Istituto dell'ambiente - 1997 Relazione annuale

L'Istituto dell'ambiente (IE), uno dei sette che costituiscono il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha recentemente pubblicato la sua relazione annuale per il 1997. La prima missione, alla quale è dedicato circa il 73% della dotazione dell'IE, consiste nell'of...
L'Istituto dell'ambiente (IE), uno dei sette che costituiscono il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha recentemente pubblicato la sua relazione annuale per il 1997. La prima missione, alla quale è dedicato circa il 73% della dotazione dell'IE, consiste nell'offrire assistenza scientifica e tecnica per lo sviluppo, l'attuazione e la sorveglianza della politica ambientale europea. Nel corso del 1997 l'IE ha mantenuto un giusto equilibrio tra le attività di ricerca e le attività di assistenza, consentendo all'istituto di offrire un aiuto effettivo alle politiche comunitarie, migliorando allo stesso tempo la propria esperienza scientifica e tecnica.

Una parte importante dell'attività svolta ogni anno dall'IE è costituita dai programmi d'azione in compartecipazione finanziaria; le iniziative attuate nel corso del 1997 grazie alla partecipazione a diversi programmi a carattere concorrenziale riguardano tra l'altro:

- particelle e foto-ossidanti nella chimica troposferica;
- effetti del cambiamento climatico sulle risorse europee di acqua dolce;
- qualità dell'aria ed effetti delle sostanze inquinanti sulla popolazione europea;
- Sviluppo di metodi analitici per il controllo degli alimenti;
- valutazione del rischio ambientale e prodotti chimici nocivi per il sistema endocrino.

Per preparare il Quinto programma quadro di RST l'IE prevede di intensificare la propria attività nel settore della gestione delle acque e della loro qualità, della tossicologia ambientale e della pubblica sanità. In considerazione di quanto stabilito nel protocollo di Kyoto, l'IE rafforzerà inoltre le proprie attività relative all'ozono troposferico ed agli aerosol atmosferici. Sarà inoltre intensificata l'attività relativa alla determinazione delle emissioni degli autoveicoli, segnatamente nel quadro del programma Auto-Oil, che contribuirà alla valutazione dell'impatto dei combustibili per autotrazione del futuro sulla qualità dell'aria nelle principali città europee.

Informazioni correlate

Programmi