Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Studio allergologico sul rilascio di nichel dalle monete euro

In risposta alle preoccupazioni sollevate dall'Ufficio europeo per la protezione dei consumatori circa il potenziale allergico della nuova coniazione in euro, la cui messa in circolazione è prevista a partire dal 1999, il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha e...
In risposta alle preoccupazioni sollevate dall'Ufficio europeo per la protezione dei consumatori circa il potenziale allergico della nuova coniazione in euro, la cui messa in circolazione è prevista a partire dal 1999, il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha effettuato uno studio specifico. A dare adito alle preoccupazioni, è la potenziale reazione allergica al nichel-rame e al nichel-zinco-rame contenuti nelle monete e che potrebbero essere rilasciati durante la manipolazione occasionale o professionale delle monete.

Il nichel e le sue leghe possono provocare sensibilizzazione e disturbi di tipo allergico della pelle; secondo stime, circa il 15% dei cittadini europei è allergico al nichel. Lo studio, realizzato dall'Istituto dei materiali e misure di riferimento del CCR, ha raffrontato il rilascio di nichel dalle due monete euro in questione con il rilascio dalle monete già in circolazione contenenti nichel.

Dallo studio è emerso che il nichel rilasciato dalle monete euro rientra ampiamente nei valori di rilascio dalle attuali monete nazionali in circolazione. Questa analisi comparativa, pertanto, conferma il parere del Comitato consultivo scientifico per l'analisi della tossicità e dell'ecotossicità dei composti chimici, che agisce per conto della DG XXIV della Commissione europea, nel quale viene dichiarato che "sembra improbabile che il nichel rilasciato dalle nuove monete europee, in valori non superiori a quelli delle altre monete, possa provocare un aumento dei disturbi".