Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I paesi PECO spingono verso il Quinto programma quadro

I direttori della ricerca ed i funzionari governativi dei paesi dell'Europa centrale ed orientale hanno presentato alla comunità europea della ricerca il potenziale dei loro paesi in materia di scienza e ricerca in occasione del convegno "Nuovi partner, nuove opportunità", svo...
I direttori della ricerca ed i funzionari governativi dei paesi dell'Europa centrale ed orientale hanno presentato alla comunità europea della ricerca il potenziale dei loro paesi in materia di scienza e ricerca in occasione del convegno "Nuovi partner, nuove opportunità", svoltosi a Bruxelles nei giorni 14 e 15 dicembre 1998.

L'obiettivo del convegno era di migliorare la sensibilità alle nuove possibilità che si dischiudono con l'apertura del Quinto programma quadro ai paesi candidati. Gli 11 paesi candidati all'adesione all'Europa allargata hanno tutti richiesto di essere associati pienamente al Programma quadro.

Al convegno erano iscritti circa 350 partecipanti, di cui quasi la metà proveniente dai paesi candidati.

In occasione del convegno si è ottenuta conferma della determinazione dei paesi candidati a spingere alla ristrutturazione dei loro sistemi finanziari in vista dell'adesione all'Unione. Essi infatti considerano la cooperazione ai progetti di ricerca dell'Unione europea in qualità di associati come un primo passo verso l'integrazione nell'Unione. L'attrazione esercitata dalla partecipazione al Quinto programma quadro darà impulso alle transizioni nazionali necessarie nei settori della finanza e della ricerca. La Polonia ha messo in rilievo l'importanza che attribuisce alla scienza ed alla ricerca, in quanto fattori di crescita economica.

Gli amministratori della Commissione che partecipavano al convegno hanno spiegato che la gestione del Quinto programma quadro teneva pienamente conto della presenza di nuovi partner. Sotto l'attuale presidenza austriaca e la prossima presidenza tedesca sono previsti sforzi particolari volti a garantire che non vi siano ostacoli indebiti alla cooperazione.

Sei paesi - Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Polonia e Slovenia - hanno già avviato negoziati in vista di una piena associazione al Quinto programma quadro. Tali paesi profitteranno di speciali accordi finanziari e parteciperanno a titolo di osservatori ai comitati che gestiscono i programmi specifici nell'ambito del Quinto programma quadro.

Quattro paesi, ossia la Repubblica Ceca, l'Ungheria, la Lettonia e la Slovenia, ipotizzano inoltre una partecipazione nell'ambito del trattato EURATOM.

Entrambe le parti intendono concludere le formalità consistenti nell'ottenere l'approvazione della partecipazione dei nuovi paesi, sia a livello nazionale che dell'Unione, prima dell'avvio delle prime valutazioni delle proposte presentate nell'ambito del Quinto programma quadro.

I paesi candidati all'adesione all'Unione europea sono la Bulgaria, Cipro, la Repubblica Ceca, l'Estonia, l'Ungheria, la Lettonia, la Lituania, la Polonia, la Romania, la Slovacchia e la Slovenia.

Informazioni correlate