Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il Concilio adotta il programma specifico in materia d'innovazione e di piccole e medie imprese

Il Consiglio dell'Unione europea ha deciso di promuovere l'innovazione e di favorire la partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI) al Quinto programma quadro di ricerca e di sviluppo tecnologico (RST), esprimendosi con una decisione del 25 gennaio 1999 che adotta un pr...
Il Consiglio dell'Unione europea ha deciso di promuovere l'innovazione e di favorire la partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI) al Quinto programma quadro di ricerca e di sviluppo tecnologico (RST), esprimendosi con una decisione del 25 gennaio 1999 che adotta un programma specifico per il periodo che si concluderà il 31 dicembre 2002.

La somma stanziata per l'attuazione del programma è di 63 milioni di euro (vedere dettagli di seguito), con un massimo del 7,35% per le spese amministrative della Commissione.

L'articolo 5 della decisione richiede l'elaborazione di un programma di lavoro da parte della Commissione, che dovrà includere gli obiettivi e le priorità di RST come segue.

Lo scopo consiste nel coordinare e sostenere gli sforzi compiuti nell'ambito dei programmi specifici e di integrare le dimensioni "innovazione" e "PMI" al momento di fissarne le priorità, stabilirne i programmi di lavoro e svolgerne l'attività; nel garantire una coerenza generale delle attività connesse con l'innovazione e le PMI nonché la loro armonizzazione nel contesto dei programmi tematici; di garantire un uso ottimale di competenze, esperienza ed infrastruttura (compresi i Centri di collegamento Innovazione [CCI] ed i punti di contatto CRAFT) esistenti a livello orizzontale o in altri programmi.

Per raggiungere gli obiettivi strategici del programma, la massa del lavoro sarà effettuata nell'ambito dei programmi tematici del Quinto programma quadro, per impulso delle unità d'innovazione, in modo da tener conto delle caratteristiche specifiche dei temi della ricerca e far corrispondere quanto meglio possibile lo sfruttamento dei risultati ed il loro contesto applicativo.

Il programma assicurerà innanzi tutto una sinergia tra le unità di innovazione ed interagirà con i programmi tematici sotto il profilo della definizione e dell'esecuzione dei loro compiti specifici, che includeranno:

- offrire sostegno alle attività realizzate in linea con l'innovazione, come il seguito dato ai trasferimenti tecnologici ed il varo di progetti ad effetto di dimostrazione;
- sfruttare le reti tematiche, le attività ed i meccanismi che stimolano l'utilizzo o il trasferimento dei risultati, ovvero la creazione di imprese innovative, per esempio facilitando l'accesso ai finanziamenti privati;
- organizzare studi volti a valutare i progetti ed i loro risultati in vista della promozione dello sfruttamento di questi, segnatamente tramite un piano di attuazione tecnologica;
- fornire dati di valutazione e monitoraggio sul trasferimento tecnologico ed altre attività d'innovazione nell'ambito dei programmi tematici.

In secondo luogo questo programma contribuirà, insieme con i programmi tematici, a definire i metodi e meccanismi che contribuiscono ad aumentare lo sfruttamento dei risultati dei progetti di ricerca intrapresi nel contesto di detti programmo, garantendo la coerenza e l'efficacia della diffusione delle informazioni relative ai progetti di ricerca e sviluppo, nonché dei risultati, tramite le reti orizzontali e le infrastrutture di servizi (CORDIS, IRCs).

L'obiettivo strategico del programma comporta il coordinamento di supporto per la partecipazione delle PMI alle attività di RST e di dimostrazione effettuate nell'ambito dei programmi tematici:

- progetti di ricerca in cooperazione, in seno ai quali almeno tre PMI indipendenti tra loro di almeno due diversi Stati membri possano ricercare insieme la soluzione dei loro problemi tecnologici comuni, a livello interno oppure affidando il compito a società terze, anche industrie, che dispongano di strutture di convalida tecnologica o di ricerca appropriate;
- programmi volti a sostenere ed incentivare la partecipazione delle PMI a progetti di ricerca in collaborazione e cooperazione (per esempio tramite sussidi erogati nella fase di preparazione, noti come "premi esplorativi"), rispettando le esigenze delle PMI di disporre di un sistema di supposto flessibile e di facile accesso;
- fornitura di dati di valutazione e monitoraggio sul funzionamento delle misure riguardanti le PMI nell'ambito dei programmi tematici.

I progetti erano volti a favorire ed a facilitare la partecipazione delle PMI alle attività di RST attinenti a tutti gli obiettivi e priorità dei programmi specifici nel loro insieme.

Il programma offrirà inoltre assistenza per l'organizzazione ed il miglioramento della diffusione e dello sfruttamento dei risultati nell'ambito dei programmi tematici, per facilitare, tra l'altro, la partecipazione delle PMI ai progetti di convalida e dimostrazione nel contesto delle azioni chiave.

Dettagli relativi alla somma di 363 milioni di euro stanziati per il programma specifico "Promozione dell'innovazione, incentivazione della partecipazione delle PMI":

- Promozione dell'innovazione: 119 milioni;
- incentivazione della partecipazione delle PMI: 44 milioni;
- Attività comuni innovazione/PMI: 200 milioni.

Informazioni correlate