Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il commissario Bjerregaard affronta la mobilità sostenibile

"Non v'è davvero null'altro che la mobilità sostenibile?" ha chiesto il 28 gennaio a Berlino il commissario per l'ambiente Ritt Bjerregaard, in un discorso pronunciato in occasione dell'inaugurazione dell'Istituto BMW di ricerca sulla mobilità.

Ha messo in rilievo l'impegno d...
"Non v'è davvero null'altro che la mobilità sostenibile?" ha chiesto il 28 gennaio a Berlino il commissario per l'ambiente Ritt Bjerregaard, in un discorso pronunciato in occasione dell'inaugurazione dell'Istituto BMW di ricerca sulla mobilità.

Ha messo in rilievo l'impegno dell'Unione europea a favore del concetto di sviluppo sostenibile, espresso nei trattati di Maastricht ed Amsterdam. Una delle pietre angolari di tale concetto è l'integrazione delle preoccupazioni ambientali in tutti i settori politici ed in tutte le decisioni prese dai responsabili della società.

Sotto questo profili, i trasporti costituiscono un settore chiave. La forte crescita del volume di traffico causa problemi ambientali e congestione. Occorre pertanto riconfigurare il concetto di mobilità tramite mezzi tecnici e, soprattutto, non tecnici.

Il commissario Bjerregaard ha affermato che i fornitori di trasporto non devono soffrirne, che dovranno assumere un atteggiamento proattivo e cogliere le opportunità, invece di temere le minacce, implicite in questi nuovi modi di considerare la mobilità.

La ragione ultima della mobilità è l'accessibilità. La ricerca della prima può permetterci di avvicinarsi alla seconda. Per questo la Commissione accoglie con favore la ricerca sulla mobilità, ha dichiarato, congratulandosi con BMW per la decisione di aprire l'istituto, che dimostra l'impegno dell'industria automobilistica ad accettare le proprie responsabilità sociali.