Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una banca dati on-line stimola i contributi alla sopravvivenza delle città

La Commissione europea, DG XI, ha lanciato di recente una banca di dati su "Buone pratiche per la gestione e la sostenibilità urbane" per il periodo 1998-1999, al seguente indirizzo:

URL: http://europa.eu.int/comm/urban

La banca dati sarà utilizzata per diffondere informazio...
La Commissione europea, DG XI, ha lanciato di recente una banca di dati su "Buone pratiche per la gestione e la sostenibilità urbane" per il periodo 1998-1999, al seguente indirizzo:

URL: http://europa.eu.int/comm/urban

La banca dati sarà utilizzata per diffondere informazioni relativamente alle buone pratiche e alla politica in materia di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nelle cittadine e nelle città. Il sistema si prefigge di sensibilizzare l'adozione di azioni rivolte alla gestione urbana migliore.

La banca dati contiene studi analitici in formati standard, al fine di facilitare sia la raccolta di informazioni che la relativa analisi. Racchiude anche documenti pertinenti la Commissione e altri, che forniscono un'informazione di base sulla politica e sulla prassi. Sono anche presenti collegamenti ad altre banche dati per consentire un accesso integrato a fonti di informazioni connesse.

La banca dati copre un ampio ventaglio di casi di buona pratica e progetti pilota per la gestione e la sostenibilità urbane, compresi:

- ambiente urbano e qualità della vita;
- governo e processi locali di agenda 21;
- gestione urbana integrata;
- creazione di posti di lavoro e recupero urbano;
- inclusione e parità sociale;
- città e sviluppo regionale.

La banca dati è rivolta ad un vasto pubblico, comprese le istituzioni comunitarie, le autorità locali regionali e nazionali, le associazioni e le reti, le aziende e l'industria, nonché istituti di istruzione e di ricerca.

La Commissione invita a presentare contributi che possono essere trasmessi on-line tramite il sito Web oppure prendendo contatti con il responsabile del progetto.