Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Approvata la proposta relativa al commercio elettronico

La Commissione europea ha pubblicato una proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a taluni aspetti giuridici del commercio elettronico nel mercato interno. La proposta di base è stata presentata dalla Commissione il 23 dicembre 1998.

La proposta (...
La Commissione europea ha pubblicato una proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa a taluni aspetti giuridici del commercio elettronico nel mercato interno. La proposta di base è stata presentata dalla Commissione il 23 dicembre 1998.

La proposta (1999/C 30/04) mira a garantire il buon funzionamento del mercato interno, in particolare la libera circolazione dei servizi della società dell'informazione tra Stati membri.

Essa ravvicina le norme nazionali sui servizi della società dell'informazione che interessano il regime del mercato interno, lo stabilimento dei prestatori, le comunicazioni commerciali, i contratti per via elettronica, la responsabilità degli intermediari, i codici di condotta, la composizione extragiudiziaria delle controversie, i ricorsi giurisdizionali e la cooperazione tra Stati membri.

La proposta completa il diritto comunitario relativo ai servizi della società dell'informazione facendo salvo l'attuale livello di tutela della sanità pubblica e dei consumatori.

Il capitolo II della proposta è suddiviso in quattro diverse sezioni contenenti i principi che gli Stati membri devono seguire:

- Regime di stabilimento e di informazione;
- Comunicazioni commerciali;
- Contratti per via elettronica;
- Responsabilità degli intermediari;

Entro tre anni dall'adozione della presente proposta, la Commissione presenta al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale una relazione sull'applicazione della proposta stessa accompagnata da proposte per adeguarla all'evoluzione dei servizi della società dell'informazione.

Per quanto riguarda l'attuazione della presente proposta, essa dovrebbe entrare in vigore il ventesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee (5 febbraio 1999).