Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

CORDIS Express: Il valore della natura

Questa edizione di CORDIS Express presenta i progetti di ricerca finanziati dall’UE che si occupano del valore degli ecosistemi e delle politiche e le iniziative necessarie per proteggerli.
CORDIS Express: Il valore della natura
Dipendiamo dalla natura in molti modi, anche se non sempre questi sono evidenti o apprezzati. Benché riconosciamo l’importanza dei benefici diretti come l’acqua dolce, il cibo e il carburante, possono passare inosservati i servizi meno visibili – ma comunque vitali – come la gestione dei rifiuti e il controllo dei parassiti. Almeno finché non vengono in qualche modo a mancare.

La perdita di biodiversità può avere impatti diretti sulla salute umana e sulla società, arrivando persino a compromettere i mezzi di sostentamento e spingere alla migrazione. Gli indicatori della valutazione dell’ambiente in Europa fatta dall’Agenzia europea dell’ambiente di quest’anno sul fronte della biodiversità sono preoccupanti: il 60 % delle valutazioni sulle specie protette e il 77 % delle valutazioni sull’habitat hanno registrato uno stato di conservazione negativo. L’Europa è in ritardo sulla tabella di marcia per raggiungere l’obiettivo per il 2020 di fermare la perdita di biodiversità e si prevede che i cambiamenti climatici futuri intensificheranno le pressioni e gli impatti.

Alcuni dicono che, per proteggere gli ecosistemi, abbiamo bisogno di mettere un valore formale ai servizi che forniscono. Lo studio sull’economia degli ecosistemi e della biodiversità – TEEB, un’iniziativa globale il cui obiettivo è “rendere visibile il valore della natura”, è una delle forze alla base di questo approccio. Il suo obiettivo principale è far entrare i valori della biodiversità e dei servizi degli ecosistemi nel processo decisionale a tutti i livelli. Altre voci, tuttavia, sostengono che il valore intrinseco della natura dovrebbe essere rispettato e che i tentativi di tradurre i suoi servizi in cifre sono avventati.

Diversi progetti finanziati dall’UE stanno partecipando a questo dibattito, valutando i molti benefici per la salute e il benessere forniti dagli ecosistemi, esaminando diversi modi di determinare il valore dei servizi dell’ecosistema e le iniziative e le politiche necessarie, in tutti i settori, per assicurare che gli ecosistemi siano protetti e che la perdita di biodiversità sia fermata. Questa edizione di CORDIS Express presenta alcuni di questi progetti e le notizie a loro dedicate.

- Positive health effects of the natural outdoor environment in typical populations in different regions in Europe (solo in inglese)

- BIOMOT analizza cosa spinge le persone ad agire a favore della natura

- BESAFE studia l’efficacia delle argomentazioni a favore della biodiversità per migliorare la creazione delle politiche

- Messa in pratica dei concetti di servizi agli ecosistemi e capitale naturale

- Il reale valore degli ecosistemi

- Tendenze scientifiche: Le strade alberate migliorano la nostra salute

Fonte: Sulla base di informazioni diffuse da CORDIS, lo studio TEEB e la relazione “L’ambiente in Europa – Stato e prospettive nel 2015” (SOER 2015).

Informazioni correlate

Paesi (28)

  • Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica ceca, Germania, Danimarca, Estonia, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia, Slovenia, Slovacchia, Regno Unito