Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

CORDIS Express: I risultati della ricerca svolta nell’UE aiutano a proteggere la Terra dai pericoli di impatto

CORDIS Express presenta i risultati di progetti finanziati dall’UE che stanno contribuendo a proteggere la Terra dalle minacce di impatti, come asteroidi e detriti spaziali.
CORDIS Express: I risultati della ricerca svolta nell’UE aiutano a proteggere la Terra dai pericoli di impatto
Gli interessantissimi dati che la missione Rosetta continua a raccogliere dalla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko affascinano la comunità della ricerca spaziale e appassionano tutto il pubblico ormai da più un anno. Lo sapevate però che durante il viaggio verso la cometa 67P, Rosetta ha avuto l’opportunità anche di dare un’occhiata a due asteroidi e a un frammento di asteroide?

Nel 2008 e nel 2010, Rosetta ha volato accanto a due asteroidi nella fascia di asteroidi principale – 2867 Steins e 21 Lutetia. La missione ha osservato anche un frammento di asteroide, P/2010 A2 nel 2010, in congiunzione con il Telescopio spaziale Hubble. Perché perdere tempo a esplorare asteroidi quando si è impegnati nella caccia a una cometa? Secondo l’Agenzia spaziale europea (ESA), le informazioni raccolte contribuiranno al suo programma spaziale situazionale, che ha lo scopo, tra le altre cose, di rilevare asteroidi che passano pericolosamente vicini alla Terra e aiutare a preparare le contromisure per prevenire una possibile collisione.

I risultati dei progetti finanziati dall’UE stanno contribuendo anche a raggiungere l’obiettivo di proteggere la Terra dai pericoli di impatto, come asteroidi e detriti spaziali. NEOSHIELD, per esempio, ha associato esperimenti in laboratorio e modellazione al computer per sviluppare un piano per spingere i grandi asteroidi fuori dall’orbita della Terra. Nel frattempo, STARDUST sta facendo progressi in tecniche per il monitoraggio, rimozione/deviazione e utilizzo di asteroidi e detriti spaziali. L’anno scorso poi, il progetto CLEANSPACE ha definito un’architettura globale per un laser a terra in grado di modificare la traiettoria dei detriti spaziali. Questa edizione di CORDIS Express presenta questi risultati e le notizie a loro dedicate.

- Proteggere la Terra dalle minacce di impatti

- Un grande laser per piccoli detriti

- STARDUST presenta delle tecniche per affrontare i detriti spaziali e gli asteroidi

- Tendenze scientifiche: Il “giorno al sole” di Rosetta

Fonte: Sulla base di informazioni dell’ESA e di CORDIS.

Informazioni correlate

Paesi (28)

  • Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica ceca, Germania, Danimarca, Estonia, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia, Slovenia, Slovacchia, Regno Unito