Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Un’innovativo strumento per l’ormeggio promette trasporti marittimi meno rischiosi e più efficienti

Ricercatori finanziati dall’UE hanno sviluppato uno strumento per aiutare le navi da carico a ormeggiarsi in modo sicuro, riducendo il rischio di incidenti e fuoriuscite, e rendendo più veloci le operazioni.
Un’innovativo strumento per l’ormeggio promette trasporti marittimi meno rischiosi e più efficienti
Il progetto DOCKINGMONITOR, finanziato dall’UE e completato nell’agosto del 2015, ha migliorato i sistemi automatici di sicurezza dei porti unendo un aiuto all’ormeggio con un sistema di monitoraggio della deriva. Il monitoraggio della deriva implica la misurazione del movimento di una nave lungo la banchina durante il trasferimento del carico.

Il sistema di aiuto all’ormeggio usa un’esclusiva misurazione laser della distanza e l’elaborazione del segnale e invia un segnale di allarme in caso di pericolo di collisione. La capacità di misurare in maniera efficiente e accurata la deriva lungo la banchina durante il trasferimento del carico è una funzione attualmente non direttamente disponibile oggi.

Le principali compagnie di logistica, chi gestisce le operazioni nei porti e le compagnie petrolifere e del gas trarranno benefici da questa innovazione. L’operazione di ormeggio di grandi navi, in particolare quelle cariche di petrolio o gas naturale, può essere piena di pericoli. Una velocità eccessiva nell’approccio alla banchina può causare dei danni a struttura, parabordi e scafo della nave. Ogni anno, una considerevole quantità di denaro viene spesa per le riparazioni di navi danneggiate e di strutture per l’ormeggio a causa di navi che per sbaglio si scontrano con la banchina. Inoltre, gli infortuni conseguenti agli incidenti che avvengono durante l’ormeggio possono essere molto gravi e a volte fatali.

Anche le conseguenze di una fuoriuscita di petrolio durante il carico e lo scarico di petrolio e gas naturale, nella maggior parte dei casi dovuta a un eccessivo movimento della nave mentre questa è attraccata, possono essere gravi. Questi tipi di fuoriuscite sono responsabili di molte perdite di petrolio di piccole e medie dimensioni che si verificano, e possono costare all’industria del petrolio e del gas diversi milioni ogni anno. Il danno di immagine causato dalle fuoriuscite di petrolio è un altro significativo peso che grava sul settore. Allo stesso tempo, il numero di banchine per il petrolio in giro per il mondo è aumentato, mentre la domanda di più banchine dedicate al gas naturale continua a crescere.

Questo comporta una chiara necessità di migliorare la sicurezza operativa del porto, e rappresenta anche un’opportunità economica, come è stato riconosciuto dal consorzio di DOCKINGMONITOR.

Il sistema combinato di aiuto all’ormeggio e di monitoraggio della deriva ideato dal progetto si basa su un’esclusiva misurazione laser della distanza e sull’elaborazione del segnale che migliorano significativamente l’automazione della sicurezza in porto. I dati provenienti dal sistema possono essere trasmessi a degli schermi, computer e dispositivi portatili, mentre il sistema di allarme integrato allerta il personale sulla banchina e sulla nave in caso di possibile pericolo.

Allo scopo di sviluppare il nuovo sistema per la deriva, il team ha esaminato vari algoritmi che misurano il movimento e ha selezionato quello più adatto. Dopo essersi procurati le necessarie attrezzature ottiche e di illuminazione, i ricercatori hanno condotto dei test relativi alle prestazioni con un sistema robot e uno scafo di prova. Sono state inoltre condotte sperimentazioni più realistiche presso il porto di Oslo attraverso l’utilizzo di uno scanner 3D. L’obbiettivo originale, ovvero la misurazione del movimento longitudinale di una nave ormeggiata con un grado di incertezza inferiore a 10 millimetri al secondo, è stato raggiunto.

Il progetto DOCKINGMONITOR ha messo assieme competenze provenienti da un’ampia gamma di discipline e settori. Una stretta cooperazione tra i ricercatori coinvolti nella programmazione della visione artificiale, tecnologia laser, elettronica di controllo e automazione, a fianco di proprietari di banchine ed esperti di trasporti marittimi, aiuterà a garantire che i risultati del progetto vengano portati sul mercato.

Per ulteriori informazioni, visitare:
Sito web del progetto DOCKINGMONITOR

Fonte: Sulla base di informazioni diffuse sul sito web del progetto DOCKINGMONITOR.

Informazioni correlate