Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione lancia un invito per costituire un Centro di riferimento per il trasporto merci

La Commissione europea ha pubblicato un invito a presentare proposte per costituire un Centro di riferimento europeo per il trasporto merci intermodale.
Nel primo triennio, il progetto riceverà un finanziamento fino al 33% dei costi sostenuti.

La Commissione si interessa a questo settore poiché ritiene che un sistema di trasporti ispirato a criteri di efficienza è di fondamentale importanza per la competitività dell'Unione europea. I servizi di trasporto, sostiene, devono soddisfare le esigenze dei caricatori, in particolare la possibilità di disporre di trasporto ininterrotti dal punto di caricamento al punto di consegna, e limitare nel contempo i costi sostenuti per seguire gli spostamenti fisici delle partite viaggianti, nonché integrare più adeguatamente i trasporti nella catena degli approvvigionamenti.

La comunicazione su intermodalità e trasporto merci intermodale nell'Unione europea (COM (97) 243) definisce così il trasporto intermodale: "la combinazione e l'integrazione di almeno due diversi modi di trasporto, impiegati per eseguire un trasporto modulato secondo le esigenze del cliente da punto a punto".

Il centro di riferimento europeo per il trasporto merci intermodale avrà il compito di stabilire e consolidare legami di cooperazione fra i diversi soggetti interessati e costituire un forum per lo scambio di informazioni, volto a promuovere un trasporto merci intermodale efficiente e sostenibile.

Le attività del centro di riferimento europeo devono concentrarsi sui seguenti aspetti:

- diffusione delle informazioni;
- buone prassi, valori di riferimento, riferimenti metrici (metrics);
- innovazione.

Tali attività dovranno essere finalizzate:

- alla costituzione delle strutture fisiche del centro di riferimento e alla proposta di una sua struttura organizzativa;
- alla raccolta di informazioni e dati esaustivi;
- alle varie attività di diffusione;
- all'avvio di diverse azioni volte a promuovere e innovare gli aspetti intermodali dei trasporti merci;
- allo sviluppo di un sito web dotato di collegamenti ipertestuali con tutti gli altri siti che si occupano di intermodalità;
- all'offerta di una serie di servizi volti a soddisfare le esigenze informative delle parti interessate;
- alla redazione di un piano d'impresa per le attività previste, in regime di autosufficienza finanziaria, oltre il primo triennio.

L'invito è rivolto alle persone giuridiche, alle autorità regionali e locali, alle organizzazioni, alle persone fisiche, alle imprese pubbliche e private, nonché alle reti o ai raggruppamenti provvisori di organismi e/o di imprese operanti su tutto il territorio dell'Unione e costituiti per lo svolgimento di particolari progetti. Nel presentare la proposta andrà rivolta particolare attenzione ai seguenti elementi:

- programma di costituzione e piano d'impresa del centro di riferimento, in quanto attività istituzionale;
- programma di lavoro dettagliato e piano d'impresa per l'attività relativa alle migliori prassi, relativi ai tre anni di finanziamento da parte della Commissione;
- progetto di strategia destinata a promuovere l'intermodalità e il trasporto merci intermodale;
- piano d'impresa per le parti del centro di riferimento a vocazione commerciale;
- scadenzario relativo a relazioni ed elaborati di progetto, riunioni del direttivo, incontri e altre attività.

Argomenti

Trasporti