Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Euroabstracts affronta la politica europea nel settore della tecnologia

Una prima priorità dell'Unione europea dovrà essere un maggior sostegno della ricerca di base, la promozione di una più intensa mobilità dei ricercatori tra i paesi, l'attribuzione di una più grande importanza alle norme tecniche e, soprattutto, la diffusione del know-how, spe...
Una prima priorità dell'Unione europea dovrà essere un maggior sostegno della ricerca di base, la promozione di una più intensa mobilità dei ricercatori tra i paesi, l'attribuzione di una più grande importanza alle norme tecniche e, soprattutto, la diffusione del know-how, specialmente tra le piccole e medie imprese (PMI).

Questa è la conclusione dell'articolo di apertura della sezione principale dell'ultimo numero di Euroabstracts, la pubblicazione gratuita della DG XIII della Commissione europea riguardante il programma "Innovazione e partecipazione delle PMI". L'articolo contiene la recensione del libro "Technology policy in the European Union" ("Politica tecnologica nell'Unione europea" - ed. Macmillan Press - 260 pagine), pubblicato l'anno scorso.

La pubblicazione riporta inoltre la recensione di un libro del commissario europeo Edith Cresson: "Innover ou Subir" ("Innovare o subire" - 240 pagine), in cui sviluppa la tesi che l'innovazione dev'essere sociale, non solo economica. Il commissario ribadisce che i sistemi di insegnamento e formazione devono soddisfare tre esigenze:

- offrire a ciascuno gli strumenti necessari ad uno sviluppo personale armonioso;
- preparare la gente al mondo del lavoro;
- permettere ai giovani l'ingresso nella società, offrendo a ciascuno pari opportunità di accesso alle posizioni migliori della gerarchia.

Tra gli altri argomenti affrontati nel numero di febbraio 1999 spiccano:

- Inventare per ordinare (Tecnica, nota come TRIZ, può servire ad incoraggiare idee in grado di dare ispirazioni, segnatamente nella creazione di invenzioni);
- Lavoro grazie alla tecnologia (sulla strategia occupazionale dell'OCSE);
- Aumentare l'importanza della ricerca dell'Unione europea (sulla valutazione quinquennale dei programmi quadro RST della Comunità europea);
- Strategie nazionali per raggiungere un obiettivo globale (a partire da una relazione di un simposio internazionale);
- Predatori latori di doni (pubblicazione OCSE sulla diffusione internazionale della ricerca e dello sviluppo nel settore industriale);
- Come funziona il Web (rassegna del WWW di Wilde);
- Alla salute di ÉCLAIR (presentazione dei risultati finali del programma di scienza e tecnologia della vita, che ha generato 4 domande di brevetto, 200 pubblicazioni scientifiche, 10 prodotti commerciali e 42 reti di ricerca).


Informazioni correlate

Programmi