Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione invita a presentare proposte di ricerca in materia di ambiente e sviluppo sostenibile

La Commissione ha annunciato un invito a presentare proposte nell'ambito del quinto programma quadro (FP5/5PQ) di attività di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (RST) per il periodo 1998 - 2002.

L'invito a presentare proposte inerisce azioni indirette di RST nell'ambito del programma specifico di RST su "Energia, ambiente e sviluppo sostenibile (1998 - 2002)" ed apre la Parte A del programma, che invita a svolgere lavori di ricerca correlati all'ambiente ed allo sviluppo sostenibile.

Il testo dell'invito, unitamente alla documentazione necessaria per preparare una proposta, è accessibile all'indirizzo:

URL: http://cordis.europa.eu/eesd/calls/calls.htm

L'invito inerisce le proposte per le quali è previsto un termine di presentazione preciso e quelle presentate nel quadro di un piano di "presentazione continua". Le proposte che non rispettano la data specifica di presentazione non saranno prese in considerazione. Le proposte presentate nel quadro di un piano di "presentazione continua" saranno valutate a intervalli fissi, a seconda della tipo di azione indiretta di RST. I dettagli completi dei tipi di azioni indirette e, ove applicabile, dei rispettivi termini di presentazione, sono forniti nell'avviso ufficiale dell'invito.

I soggetti che possiedono i requisiti necessari per partecipare alle azioni indirette di RST sono invitati a presentare proposte relative alle parti del programma di lavoro indicate di seguito.

Parte 1 dell'invito inerisce le proposte da presentare entro una data definita (Azioni e spese ripartite, reti tematiche e azioni concertate). Le aree aperte dall'invito sono:

- Azione Chiave 1: "Gestione sostenibile e qualità delle acque":
- - Gestione integrata e uso sostenibile delle risorse idriche a livello di bacino idrografico:
- - - Metodologie e strumenti per la pianificazione strategica e la gestione integrata a livello di bacino idrografico;
- - - Aspetti socioeconomici connessi all'uso sostenibile delle risorse idriche;
- - - Programmi di gestione operativa e sistemi a sostegno del processo decisionale;
- - Qualità ecologica degli ecosistemi di acque dolci e delle zone umide:
- - - Funzionamento degli ecosistemi;
- - - Obiettivi di qualità ecologica
- - Prevenzione dell'inquinamento:
- - - Riduzione dell'inquinamento idrico provocato da terreni, discariche e sedimenti contaminati;
- - - Lotta all'inquinamento diffuso;
- Azione Chiave 2: "Cambiamento globale, clima e biodiversità":
- - Capire, individuare, valutare e prevedere i processi del cambiamento globale:
- - - Cambiamenti nella composizione dell'atmosfera;
- - - Riduzione dello strato di ozono;
- - - Previsione del cambiamento climatico e rispettivi scenari;
- - - Promuovere una maggiore conoscenza degli ecosistemi terrestri (comprese le acque dolci) e marini e delle loro interazioni;
- - - Interazioni tra ecosistemi e i cicli del carbonio e dell'azoto;
- - - Valutazione e conservazione della biodiversità;
- - Scenari e strategie per rispondere a problematiche globali:
- - - Attenuazione e adattamento al cambiamento globale;
- - Componente europea nei sistemi di osservazione globale:
- - - Miglior valorizzazione dei dati esistenti e adeguamento dei sistemi di osservazione esistenti;
- Azione Chiave 3: "Gestione sostenibile degli ecosistemi marini":
- - Sviluppare le conoscenze sui processi, sugli ecosistemi e sulle interazioni, nell'ambiente marino;
- - - Perfezionare la valutazione dei meccanismi naturali di funzionamento degli ecosistemi;
- - - Valutazione dei sistemi sedimentari per la gestione e l'utilizzo sostenibili della piattaforma continentale, della scarpata continentale e dei fondali marini;
- - Ridurre l'impatto dell'attività umana sulla biodiversità e il funzionamento sostenibile degli ecosistemi marini e promuovere lo sviluppo di tecnologie che consentano uno sfruttamento sicuro, economico e sostenibile:
- - - Invertire la tendenza per quanto riguarda la perdita della biodiversità marina;
- - - Ridurre gli effetti delle attività antropiche sull'ambiente marino e recuperare i sistemi marini in degrado;
- - Controllo e gestione dei processi costieri e della zona costiera:
- - - Studi integrati sull'interazione terraferma-oceani;
- Azione Chiave 4: "La città del futuro e il patrimonio culturale":
- - Pianificazione urbana sostenibile e gestione razionale delle risorse:
- - - Miglioramento dell'amministrazione e del processo decisionale in ambito urbano;
- - Protezione, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale europeo:
- - - Sviluppo di strategie innovative di conservazione (unicamente reti e azioni concertate);
- - Messa a punto e dimostrazione di tecnologie che siano sicure, pulite, efficaci e sostenibili per la conservazione, il recupero, il rinnovamento, la costruzione dell'ambiente edificato, in particolare per i grandi complessi edilizi:
- - - Riqualificazione dei centri urbani e delle periferie;
- - Valutazione comparativa e attuazione economica di strategie per sistemi di trasporto sostenibili in ambiente urbano:
- - - Approcci strategici e metodologie nell'ambito della pianificazione urbana per un trasporto urbano sostenibile.

La Parte 1 di questo invito copre inoltre il sostegno alle infrastrutture di ricerca. Ciò include:

- Attrezzature per la ricerca sul cambiamento globale, clima e biodiversità;
- Attrezzature per la ricerca marina;
- Attrezzature per la ricerca sui rischi naturali.

La Parte 2 di questo bando apre gli inviti a presentare proposte attraverso uno schema continuo di presentazione, fino alle date indicate nel testo ufficiale. I tipi di attività incluse in questo invito sono:

- Attività RST di natura generica;
- Misure PMI:
- - Premi esplorativi;
- - Ricerca cooperativa;
- Formazione:
- - Borse individuali;
- - Borse organismi ospitanti;
- Misure d'accompagnamento:
- - Studi;
- - Scambi di informazioni e dati;
- - Incontri scientifici e tecnici;
- - Disseminazione;
- - Attività di utilizzazione e comunicazione;
- - Schemi per dare informazione e assistenza agli attori della ricerca.

Misure specifiche per le PMI sono messe in esecuzione attraverso uno schema continuo di presentazione del presente bando. Ulteriori informazioni possono essere ottenute direttamente allo sportello PMI, all'indirizzo fornito di seguito.

Per le attività di RST di carattere generico, preferenza sarà data nel 1999 alle proposte relative a:

- Lotta contro i maggiori rischi naturali e tecnologici:
- - Rischi naturali:
- - - Rischi sismici;
- - - Rischi di inondazioni e idrologici;
- - Rischi tecnologici:
- - - Comprensione dei processi;
- Sviluppo delle tecnologie generiche di osservazione della terra;
- - Introdurre risultati scientifici nelle applicazioni nuove o esistenti;
- - Creare le condizioni favorevoli allo sviluppo del mercato;
- Aspetti socio-economici dei cambiamenti ambientali nell'ottica dello sviluppo sostenibile:
- - Determinare le relazioni critiche: valutare le implicazioni ambientali dei principi socio-economici;
- - Strumenti e metodologie: per l'impatto socio-economico e ambientale, valutazione delle politiche, delle opzioni tecnologiche, degli strumenti economici, dei regolamenti; valutazioni ambientali integrate.

Il bilancio indicativo disponibile per l'Azione Chiave 1, della Parte 1 del presente invito per il 1999 è di 62,5 - 66,7 milioni di euro.
Il bilancio indicativo disponibile per l'Azione Chiave 2 della Parte 1 del presente invito per il 1999 è di 70,8 - 75 milioni di euro.
Il bilancio indicativo disponibile per l'Azione Chiave 3 della Parte 1 del presente invito per il 1999 è di 27,1 - 31,3 milioni di euro.
Il bilancio indicativo disponibile per l'Azione Chiave 4 della Parte 1 del presente invito per il 1999 è di 16,7 - 18,8 milioni di euro.
Il bilancio indicativo disponibile per il sostegno alle infrastrutture di ricerca relativamente alla Parte 1 del presente invito per il 1999 è di 8,3 - 10,4 milioni di euro. (La chiamata del 1999 coprirà il bilancio 1999 e 2000 (20,0 - 22,0 milioni di euro nel 2000)).

Informazioni sulle regole di partecipazione al programma e le istruzioni per la preparazione e la presentazione delle proposte sono contenute nella guida del proponente della Commissione europea. Tale guida, il programma di lavoro ed ulteriori informazioni in merito al presente invito possono essere ottenute facendo richiesta all'indirizzo di cui sotto.

Informazioni correlate