Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione dichiara innocui i programmi tedeschi di smaltimento dei rifiuti radioattivi

Secondo la Commissione europea, i programmi tedeschi di smaltimento dei rifiuti radioattivi, previsti in tre località, non possono dar luogo a livelli significativi di inquinamento radioattivo, dannosi per la salute o per le acque, il suolo e latmosfera in alcun altro Stato me...
Secondo la Commissione europea, i programmi tedeschi di smaltimento dei rifiuti radioattivi, previsti in tre località, non possono dar luogo a livelli significativi di inquinamento radioattivo, dannosi per la salute o per le acque, il suolo e latmosfera in alcun altro Stato membro dell'Unione europea.
Nel settembre 1998, il governo della Repubblica federale tedesca ha trasmesso alla Commissione europea dati relativi ai propri progetti di smaltimento dei rifiuti radioattivi derivanti da:
- lo smantellamento della centrale nucleare di Greifswald, sita nel Meclemburgo-Pomerania occidentale;
- lo smantellamento della centrale nucleare di Rheinsberg, sita nel Land di Brandeburgo;
- l'esercizio dell'Interim Storage North, anch'essa sita nel Meclemburgo-Pomerania occidentale.
La Commissione ha redatto il proprio parere sulla base di tali dati e chiarimenti successivamente forniti dal governo tedesco, nonché di un successivo consulto con il gruppo di esperti.
La distanza tra la centrale sita nel Meclemburgo-Pomerania occidentale e il confine di stato più vicino è di 45 km, mentre i più vicini territori appartenenti a uno Stato membro si trovano a circa 120 km (Danimarca) e 135 km (Svezia). Inoltre, la distanza tra la centrale sita nel Land di Brandeburgo e il confine di stato più vicino è di 80 km, mentre i più vicini territori appartenenti a uno Stato membro si trovano a circa 180 km (Danimarca) e 250 km (Svezia).
In normali condizioni di esercizio, gli scarichi di effluenti liquidi e gassosi non potranno dar luogo a un'esposizione significativa della popolazione di altri Stati membri tale da nuocere alla loro salute.
Quanto ai rifiuti radioattivi derivanti dalla disattivazione e dallo smantellamento della centrale nucleare di Greifswald e da quella di Rheinberg, questi verranno immagazzinati o smaltiti in luoghi autorizzati in Germania. I rifiuti solidi non radioattivi oppure i materiali residui e quelli emessi sotto controllo normativo, in conformità a livelli di purezza, verranno sottoposti ad uno smaltimento analogo a quello dei rifiuti convenzionali oppure a riutilizzo e riciclaggio.
I rifiuti a basso e medio livello di radioattività trattati nell'impianto della Interim Storage North, sita nel Meclemburgo-Pomerania occidentale, verranno immagazzinati sul posto.
Nel caso di uno scarico non previsto di rifiuti radioattivi, eventualmente determinato da un incidente di tipo ed entità considerati nell'ambito dei dati generali, il livello di esposizione della popolazione di altri Stati membri non sarà tale da nuocere alla loro salute.
In conclusione, la Commissione è dell'opinione che l'attuazione dei programmi di smaltimento di rifiuti radioattivi previsti nell'ambito delle suddette tre operazioni, sia in normali condizioni di esercizio, sia in casi di incidenti di tipo ed entità considerati nell'ambito dei dati generali, non possa determinare un inquinamento radioattivo di entità tale da causare danni alla salute o da intaccare le acque, il suolo o l'atmosfera di un altro Stato membro.

Argomenti

Scorie radioattive