Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Animali affetti da EST banditi dalla produzione di farmaci e cosmetici

Secondo il Comitato scientifico direttivo (CSD) della Commissione europea, Direzione generale XXIV, non bisogna permettere l'uso di carcasse di animali che possono aver contratto l'encefalopatia spongiforme trasmissibile (EST) per la produzione di prodotti medicinali o cosmeti...
Secondo il Comitato scientifico direttivo (CSD) della Commissione europea, Direzione generale XXIV, non bisogna permettere l'uso di carcasse di animali che possono aver contratto l'encefalopatia spongiforme trasmissibile (EST) per la produzione di prodotti medicinali o cosmetici.
Le carcasse di animali infetti da EST devono essere ridotti in cenere, insieme al materiale ad alto rischio da essi estratto, come ad esempio il midollo spinale o l'intestino.
Il CSD ha ritenuto opportuno esprimere questo parere in quanto le industrie farmaceutiche e cosmetiche, tra le altre, usano diverse parti di animali deceduti riciclati. Tra gli animali in questione non vi sono solo bovini e suini, ma anche animali selvatici ed esotici, animali da laboratorio, gatti ed altri animali da pelliccia, oltre al pollame e ai pesci.
Secondo gli esperti europei, i processi industriali attualmente in uso per inattivare gli agenti infettivi convenzionali risultano inadeguati a trattare materiale infetto da EST.

Informazioni correlate