Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programmi sulle malattie legate all'inquinamento e sulle malattie rare

A seguito dell'accordo raggiunto tra il Parlamento europeo ed il Consiglio dei Ministri, l'Unione europea (UE) ha adottato due programmi sulle malattie legate all'inquinamento e sulle malattie rare.
L'on. Padraig Flynn, commissario facente funzione, responsabile delle question...
A seguito dell'accordo raggiunto tra il Parlamento europeo ed il Consiglio dei Ministri, l'Unione europea (UE) ha adottato due programmi sulle malattie legate all'inquinamento e sulle malattie rare.
L'on. Padraig Flynn, commissario facente funzione, responsabile delle questioni legate alla sanità, ha accolto la notizia con soddisfazione, considerandola "come un passo nella giusta direzione" ed ha aggiunto che la Commissione è felice di poter iniziare immediatamente l'azione per prevenire tali malattie che, negli ultimi anni, sono drammaticamente aumentate.
L'obiettivo del primo programma è migliorare la conoscenza in tutta l'UE dei disturbi legati all'inquinamento e dei modi per prevenirli. Il programma, inoltre, si prefigge di aumentare la cooperazione per non disperdere energie in uno stesso ambito e di incoraggiare gli Stati membri ad adottare le soluzioni migliori ai problemi comuni. Il programma, per cui è previsto uno stanziamento di 3,9 milioni di euro, si svolgerà tra l'1 gennaio 1999 ed il 31 dicembre 2001.
Seguendo la stessa traccia, il programma relativo alle malattie rare ha lo scopo di migliorare la conoscenza e la cooperazione transnazionale tra gruppi di sostegno di volontari e professionisti, affinché i focolai delle malattie possano essere gestiti e controllati in modo più efficace. Il programma si svolgerà nel periodo tra l'1 gennaio 1999 e il 31 dicembre 2003 e lo stanziamento previsto per il primo anno di attuazione (1999) equivale a 1,3 milioni di euro. La struttura finanziaria per gli ultimi quattro anni (2000-2003) sarà stabilita nei particolari in seguito.
Un comitato consultivo, composto da rappresentanti degli Stati membri, affiancherà la Commissione nell'attuazione dei programmi i quali si svolgeranno anche con la cooperazione di enti ed organizzazioni attivi nel campo delle malattie rare ed in settori legati all'inquinamento.
L'on. Flynn ha espresso il suo rammarico perché la proposta iniziale della Commissione sulle malattie legate all'inquinamento è stata ridotta sia nella lunghezza, sia nell'oggetto, sia negli stanziamenti e si è detto molto dispiaciuto per non aver notato alcuna menzione ad iniziative di formazione, a campagne informative o ad interventi in favore di gruppi di mutua assistenza nella lotta contro le malattie respiratorie e le allergie.
Tuttavia, il commissario Flynn ha espresso il suo compiacimento nel rammentare che la Commissione, il Parlamento e il Consiglio avevano dichiarato che nel futuro programma per la salute pubblica avrebbero prestato particolare riguardo alle malattie rare e alle malattie legate all'inquinamento e che ne avrebbero attentamente considerato i relativi aspetti finanziari. Ciò, ha continuato l'on. Flynn, "ha riconfermato l'impegno di garantire l'importanza di questi due settori di prevenzione delle malattie, che hanno da sempre rappresentato una priorità per l'UE".

Informazioni correlate