Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Approcci più sicuri agli aeroporti con una navigazione 3D basata su satelliti

Un’iniziativa dell’UE ottiene una maggiore sicurezza e accessibilità in 11 aeroporti nel sud-est del Mediterraneo.
Approcci più sicuri agli aeroporti con una navigazione 3D basata su satelliti
Con l’aumentare del traffico aereo nei cieli d’Europa, aumenta anche la sfida di garantire che i suoi aeroporti siano sempre accessibili in modo sicuro. BLUEGNSS, un progetto sostenuto dall’UE, ha sviluppato applicazioni per la navigazione satellitare globale in aeroporti europei selezionati al fine di incrementare la sicurezza e l’accessibilità degli scali.

BLUEGNSS si è focalizzato sul far progredire l’adozione del sistema globale di navigazione satellitare europeo (GNSS) in Grecia, Italia, Cipro e Malta. Insieme, questi quattro paesi formano il BLUE MED FAB (blocco funzionale di spazio aereo), lo spazio aereo in cui il traffico aereo è gestito a prescindere dai confini nazionali. BLUE MED è uno dei nove FAB formati in Europa allo scopo di ridurre la frammentazione della rete europea del traffico aereo.

Approcci tridimensionali GNSS sono in fase di progettazione per 11 aeroporti nel BLUE MED FAB: 4 cadauno in Grecia e Italia, 2 a Cipro e 1 a Malta. L’obiettivo principale è quello di armonizzare l’implementazione degli approcci alle prestazioni di navigazione richieste tra i quattro paesi. Questo consentirà a un aeroplano di volare lungo precise traiettorie di volo con maggiore precisione e renderà possibile determinare la posizione del velivolo con accuratezza e affidabilità.

Finora sono stati fatti notevoli progressi per quanto riguarda la sicurezza e l’accessibilità degli aeroporti nei paesi bersaglio. Dall’inizio del 2018, tre nuove procedure GNSS sono state convalidate per gli aeroporti italiani di Cuneo, Lamezia e Parma, seguite da altre due per Larnaca e Pafo a Cipro. Le cattive condizioni meteorologiche in cui gli approcci GNSS di Cipro sono stati convalidati sono servite a dimostrare i benefici della guida verticale GNSS. Dal suo lancio nel 2016, BLUEGNSS ha progettato e convalidato 14 procedure GNSS.

Le accresciute prestazioni del GNSS europeo, Galileo, sono state ottenute attraverso il Servizio europeo di copertura per la navigazione geostazionaria (EGNOS). EGNOS è un sistema di potenziamento basato su satelliti che migliora il posizionamento GNSS. I suoi 3 satelliti e la rete di oltre 39 stazioni di riferimento in 24 paesi gli consentono di fornire una maggiore precisione rispetto al solo Galileo.

I vantaggi relativi alla sicurezza di EGNOS e i minori costi di investimento apportano grandi vantaggi agli aeroporti piccoli e regionali, che di norma non si possono permettere gli elevati costi per installare e gestire ausili per la navigazione a terra. Per questa ragione, BLUEGNSS ha promosso il suo utilizzo in questa regione mediterranea impegnativa dal punto di vista geografico. «Oggi la ragione del Mediterraneo sudorientale non ha una piena copertura EGNOS», ha affermato l’esperto GNSS Patrizio Vanni di ENAV S.p.A., coordinatore del progetto e gestore del servizio di navigazione aerea in Italia, in una notizia pubblicata sul sito web dell’Agenzia del GNSS europeo. «A rendere le cose ancora più impegnative, ogni aeroporto coinvolto nel progetto presenta un ambiente operativo molto differente.»

Il progetto non si è focalizzato soltanto sulla progettazione e la convalida degli approcci GNSS agli aeroporti dove finora non erano disponibili tali procedure; esso, infatti, ha anche fornito la necessaria formazione e supervisione al fine di supportare l’implementazione da parte dei paesi del BLUE MED FAB.

Adesso prossimo alla sua conclusione, BLUEGNSS (Promoting EGNSS Operational Adoption in BLUEMED FAB) è il primo progetto del suo genere ad essere coordinato a livello di FAB. Potrebbe fungere da catalizzatore per diffondere le competenze sull’approccio alle prestazioni di navigazione richieste nella regione e oltre, all’intera Europa.


Per maggiori informazioni, consultare:
sito web del progetto BLUEGNSS

Fonte: Sulla base di informazioni relative al progetto e segnalazioni dei media

Informazioni correlate