Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tendenze scientifiche: I cambiamenti climatici potrebbero essere molto peggiori di quanto avessimo mai pensato?

Un nuovo studio mette in dubbio i modelli climatici di previsione rivelando che i cambiamenti climatici saranno molto peggiori e si verificheranno molto prima di quanto la maggior parte della gente pensi.
Tendenze scientifiche: I cambiamenti climatici potrebbero essere molto peggiori di quanto avessimo mai pensato?
Non è una sorpresa che il riscaldamento globale stia producendo effetti molto seri sulla Terra. Ma il riscaldamento globale potrebbe essere due volte più caldo di quanto originariamente previsto? Ci vorrà un po’ di tempo per abituarsi a questo ritmo accelerato.

Uno studio sulla rivista britannica sottoposta a revisione paritaria «Nature Geoscience» suggerisce che il riscaldamento globale potrebbe essere doppiamente caldo rispetto alle previsioni degli attuali modelli climatici. Un team di ricerca internazionale costituito da membri di 17 paesi ha basato le proprie scoperte su 3 periodi caldi negli ultimi 3,5 milioni di anni, quando il mondo era 0,5-2 °C più caldo rispetto alle temperature pre-industriali del XIX secolo.

Una tendenza nella direzione sbagliata

«I cambiamenti cui assistiamo oggi sono molto più rapidi di qualsiasi cosa si sia verificata nella storia della Terra», ha dichiarato la prima autrice dello studio, Katrin Meissner, della University of New South Wales in Australia a «USA Today». «In termini di tasso di cambiamento, stiamo navigando in acque inesplorate».

Nel dicembre 2015, 195 paesi hanno adottato l’Accordo di Parigi, la prima intesa universale giuridicamente vincolante sul clima a livello mondiale. Esso stabilisce un piano d’azione globale per evitare pericolosi cambiamenti climatici limitando il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 °C.

Solo 2 °C di riscaldamento globale possono fare la differenza

«Anche con solo 2 gradi di riscaldamento (e potenzialmente solo 1,5 gradi) gli impatti significativi sul sistema Terra sono notevoli», ha dichiarato il coautore dello studio Alan Mix, scienziato dell’Oregon State University negli Stati Uniti, in un’intervista al quotidiano americano. «Possiamo aspettarci che l’innalzamento del livello del mare diventi inarrestabile per migliaia di anni, incidendo su gran parte della popolazione mondiale, delle infrastrutture e delle attività economiche».

I ricercatori hanno scoperto che il riscaldamento dei primi due periodi fu causato da cambiamenti prevedibili nell’orbita terrestre. Il terzo fu il risultato di concentrazioni atmosferiche di CO2 pari a 350-450 parti per milione, quantità molto simili a quelle di oggi. Il team ha combinato una vasta gamma di misurazioni per comprendere l’impatto dei cambiamenti climatici. Questi includevano nuclei di ghiaccio, strati di sedimenti, resti fossili, datazioni usando isotopi atomici e molti altri metodi consolidati di indagine del paleoclima.

Insieme, questi tre periodi forniscono una forte evidenza di come una Terra più calda apparirebbe una volta che il clima si fosse stabilizzato. D’altra parte, oggi il nostro pianeta si sta riscaldando molto più rapidamente rispetto a tutti questi periodi, poiché le emissioni di CO2 continuano ad aumentare a causa dell’attività umana. Anche se queste emissioni cessassero oggi, occorrerebbero secoli o persino millenni per raggiungere un equilibrio.

I risultati mostrano che le nostre attuali previsioni climatiche potrebbero sottovalutare il riscaldamento a lungo termine per un fattore pari a due. I modelli climatici, che si sono concentrati sul breve periodo, hanno sottovalutato i potenziali cambiamenti che possono verificarsi anche con un riscaldamento pari a due gradi. «I modelli climatici sembrano essere affidabili per quanto riguarda piccoli cambiamenti, come nel caso di scenari a basse emissioni in periodi brevi, diciamo per i prossimi decenni fino al 2100», ha affermato Meissner in un’intervista sul «Guardian». «Ma se il cambiamento diventa più grande o più persistente… sembra che i cambiamenti climatici vengano sottovalutati».

Gli obiettivi di Parigi per arginare il riscaldamento globale sono sufficienti a fermare o addirittura invertire l’impatto negativo sulla Terra? Se non si procede a ridurre drasticamente le emissioni di CO2, non avremo bisogno di studi per suonare campanelli d’allarme per il nostro pianeta.

Fonte: Basato su segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Paesi

  • Regno Unito