Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Soluzioni urbane intelligenti per città più resilienti

Un nuovo progetto sfrutta i dati di osservazione della Terra (OT) per migliorare la qualità della vita nelle aree urbane.
Soluzioni urbane intelligenti per città più resilienti
L’Europa è una delle regioni più urbanizzate del mondo, con il 73 % della sua popolazione distribuita in città e paesi. Con l’aumento previsto dell’urbanizzazione globale nei prossimi decenni, le città europee dovranno affrontare molte sfide associate allo sviluppo urbano sostenibile.

SMURBS, un nuovo progetto avviato nell’ambito del progetto «ombrello» ERA-PLANET dell’UE, sta lavorando per aumentare la resilienza urbana e migliorare la qualità della vita nelle regioni urbane. Per raggiungere questo obiettivo, si concentra su sfide legate alla qualità dell’aria, alla crescita urbana, ai disastri naturali e provocati dall’uomo, alla salute e alla migrazione. Il consorzio SMURBS comprende 19 partner ERA-PLANET di 12 paesi europei, tra cui istituti di ricerca, agenzie spaziali, università ed esperti di OT. Le competenze considerevoli e di ampio respiro dei partner in materia di OT vengono ri-orientate in questo progetto per servire il paradigma della città intelligente.

Affrontare la frammentazione delle risorse

Uno dei principali problemi nell’adottare un’azione efficace è la natura frammentata delle informazioni disponibili. Gli abbondanti dati ambientali e di OT attualmente generati sono memorizzati in un’ampia varietà di sistemi e strumenti diversi. Queste risorse frammentate impediscono la condivisione di dati e conoscenze tra le parti interessate e i responsabili delle politiche. SMURBS mira a lavorare con città selezionate in Europa per riunire e integrare queste risorse, comprendenti dati satellitari, reti e sensori in situ, sistemi aerei senza pilota, modelli e osservatori cittadini. I dati raccolti saranno utilizzati per produrre nuove informazioni, strumenti e servizi che tengano conto delle esigenze dei cittadini e dei responsabili decisionali.

La prima fase del progetto consiste nello stimolare la pianificazione strategica collegandosi con le autorità locali, i pianificatori urbani e le parti interessate a livello cittadino per tracciare «ciò che c’è già» e «ciò che vogliono gli utenti». Seguirà la progettazione, l’attuazione e la creazione di sinergie tra le piattaforme OT per soddisfare le esigenze predeterminate. I partner creeranno quindi un portafoglio di soluzioni urbane intelligenti con prodotti, strumenti e servizi interdisciplinari testati per i pianificatori urbani e i responsabili decisionali. Le soluzioni verranno infine distribuite in città pilota selezionate, banchi di prova e studi di casi per dimostrarne l’efficacia in termini di costi e i benefici.

In un’ottica di sostenibilità

Affinché una soluzione sia sostenibile nel lungo termine, essa deve basarsi su una partecipazione significativa delle parti interessate. Per garantire tale risultato, SMURBS sta conducendo interviste con responsabili decisionali di alto livello e conducendo seminari per parti interessate e cittadini. Ha anche lanciato un sondaggio online mirato per raccogliere informazioni pertinenti. La maggior parte delle informazioni ricevute (l’80 %) proviene da autorità pubbliche e istituzioni accademiche e di ricerca di 18 paesi e 32 città, seguite da ONG e dal settore privato di OT. Sottolineando la necessità di un progetto simile, quasi 200 istituzioni hanno dichiarato un potenziale interesse per SMURBS sin dal suo avvio solo alla fine dello scorso anno.

Incentrato su città intelligenti e società resilienti, SMURBS è uno dei quattro filoni di ERA-PLANET (The European network for observing our changing planet). Gli altri tre filoni del progetto si concentrano sull’efficienza delle risorse e sulla gestione ambientale, sui cambiamenti globali e sui trattati ambientali, nonché sulle aree polari e le risorse naturali.

Per ulteriori informazioni, consultare:
sito web del progetto ERA-PLANET

Fonte: Sulla base di informazioni relative al progetto e segnalazioni dei media

Informazioni correlate