Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Le scuole irlandesi avranno una finestra su Giove grazie ai radiotelescopi

Nelle scuole secondarie irlandesi verranno installati radiotelescopi, consentendo a studenti e insegnanti di osservare i poli di Giove.
Le scuole irlandesi avranno una finestra su Giove grazie ai radiotelescopi
La planetologia è un settore in rapida crescita della ricerca scientifica che riguarda lo studio di pianeti, lune e sistemi planetari e dei processi che li formano. L’Europa svolge un ruolo di primo piano in questo entusiasmante ambito scientifico, poiché vanta una delle più grandi comunità di planetologi al mondo: 800 professori di ruolo e 4 000 giovani ricercatori sparsi in centinaia di istituti di ricerca. Tuttavia, senza un organismo di sostegno comune, la comunità scientifica europea risulta molto frammentata.

Dalla sua fondazione nel 2005, il Consorzio Europlanet collega istituti di ricerca e società attivi nella ricerca planetaria in Europa e nel mondo e riesce così a creare una notevole coesione tra i planetologi europei. Il consorzio, che puntava a consolidare i suoi risultati, nel 2015 ha avviato il progetto EPN2020-RI, finanziato in gran parte dall’UE. Con 33 partner di progetto provenienti da 19 paesi europei e oltre 150 persone partecipanti, il progetto lavora per favorire la collaborazione e sinergie efficaci tra le diverse componenti: esplorazione dello spazio, osservazioni a terra, esperimenti in laboratorio e sul campo e modellizzazione e tecnologie numeriche.

Il programma attivo di sensibilizzazione e divulgazione dell’EP2020-RI cerca di coinvolgere i cittadini europei nella planetologia e ispirare la prossima generazione di fisici e ingegneri. Attraverso la tornata 2018 del programma di finanziamento per la divulgazione di Europlanet, il progetto finanzierà le scuole secondarie rurali del Connacht, in Irlanda. I fondi saranno usati per supportare il Connacht Schools Planetary Radio Telescope Network, che osserverà l'atmosfera del pianeta Giove come parte di un più ampio programma di ricerca della NASA che monitora la magnetosfera attiva del gigante gassoso.

I radiotelescopi svelano i misteri di Giove a studenti e insegnanti

Con i fondi assegnati, in otto scuole delle contee di Galway, Mayo e Roscommon verrà installato un radiotelescopio con antenna a dipolo. I radiotelescopi di 6 metri di lunghezza e 3 metri di altezza, che ricordano degli stendibiancheria, consentiranno a insegnanti e studenti di osservare le regioni polari di Giove, dove il pianeta mostra le proprie versioni dell’aurora.

«Le attività pratiche di astronomia sono molto stimolanti per gli alunni nelle discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica)», afferma il capo progetto, il dott. Aaron Golden della National University of Ireland (NUI) di Galway, in una notizia pubblicata sul sito web Irish Tech News. «Tuttavia, le opportunità in questo senso sono limitate a causa della necessità di attrezzature e strutture specializzate, di lavorare in orari extracurricolari e, ovviamente, con cielo sereno, almeno per l’astronomia ottica. La radioastronomia offre un’alternativa molto economica a insegnanti e studenti per partecipare a osservazioni reali di oggetti radio-luminosi come il Sole e il pianeta Giove e riuscire così a prendere parte agli studi della più ampia comunità astronomica sul più affascinante dei pianeti del sistema solare.»

La bassa densità di popolazione delle zone limitrofe a queste scuole rurali contribuirà a limitare le interferenze di radiofrequenza nel funzionamento dei telescopi. Inoltre, la natura automatizzata dei telescopi renderà possibili le osservazioni nonostante le tipiche condizioni meteorologiche irlandesi. Le osservazioni di ciascuna scuola verranno fornite in tempo reale a un server della NUI di Galway.
Il progetto Connacht sarà lanciato ufficialmente in occasione del Congresso europeo di scienze planetarie 2018, che si terrà a Berlino a settembre. È solo una delle azioni intraprese attraverso il progetto EPN2020-RI (EUROPLANET 2020 Research Infrastructure) per costruire una comunità veramente paneuropea che condivida obiettivi, strutture, personale e dati comuni attraverso i confini nazionali.

Per maggiori informazioni, consultare:
sito web del progetto EPN2020-RI

Fonte: Sulla base di informazioni relative al progetto e segnalazioni dei media

Informazioni correlate