Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tendenze scientifiche: gli scienziati hanno scoperto il più antico disegno realizzato dall’uomo?

In una grotta del Sudafrica, un gruppo di archeologi sostiene di aver trovato il primo disegno conosciuto realizzato dall’uomo.
Tendenze scientifiche: gli scienziati hanno scoperto il più antico disegno realizzato dall’uomo?
Chi avrebbe mai immaginato che un disegno risalente a 73 000 anni fa, scarabocchiato su una roccia in un’antica caverna, assomigliasse… a un hashtag? Ciò che lo rende ancora più affascinante è che anticipa di almeno 30 000 anni i precedenti disegni più antichi ritrovati in Spagna e Indonesia.

Nella grotta di Blombos, circa 300 km a est di Città del Capo, gli archeologi hanno portato alla luce quello che definiscono il disegno astratto a matita più antico tracciato dalla mano dell’uomo. Fu disegnato da cacciatori-raccoglitori che avevano fatto della grotta di Blombos la loro casa temporanea. Il ritrovamento è stato pubblicato sulla rivista «Nature».

Gli scienziati hanno trovato incisioni più antiche in diverse parti del mondo, ma le linee sulla pietra indicano il primo disegno astratto. «L’interruzione improvvisa di tutte le linee sui bordi del frammento indica che, originariamente, lo schema si estendeva su una superficie più ampia ed era probabilmente più complesso e strutturato nella sua interezza rispetto a questa forma mozza», ha dichiarato l’archeologo Christopher Henshilwood dell’Università di Bergen in Norvegia e dell’Università del Witwatersrand in Sudafrica a «Reuters». Henshilwood, che ha guidato la ricerca pubblicata, ha aggiunto: «Siamo piuttosto riluttanti nel definirla arte. È sicuramente un motivo astratto, quasi certamente aveva un significato per il creatore e probabilmente formava una parte del comune sistema simbolico compreso da altre persone in questo gruppo».

Il motivo stesso è molto semplice, ma quello che è importante notare qui è che è stato abbozzato durante il Paleolitico medio. Il disegno è stato realizzato con l'ocra, un pigmento di terra argillosa utilizzato dagli esseri umani la prima volta almeno 285 000 anni fa. Questo suggerisce l’esistenza di capacità cognitive moderne nei nostri antenati.

«Tutti questi risultati dimostrano che i primi Homo sapiens nella parte meridionale di Città del Capo impiegavano tecniche diverse per produrre segni simili su diversi supporti», ha dichiarato. «Questa osservazione corrobora l’ipotesi che tali segni fossero di natura simbolica e rappresentassero un aspetto intrinseco delle avanzate capacità cognitive [di] questi primi Homo sapiens africani, gli antenati di tutti noi».

Può il disegno più antico del mondo essere chiamato arte?

Nello studio, Henshilwood e il suo team internazionale di archeologi descrivono l’artefatto come un disegno. Ma può essere etichettato come arte? «Non sappiamo se si tratta di arte», ha spiegato Henshilwood nel «National Geographic». «Sappiamo che è un simbolo. (...) L’arte è una cosa molto difficile da definire. Pensiamo ad alcuni astratti di Picasso. Si tratta di arte? Chi è in grado di stabilirlo?»

Un essere umano preistorico ha raccolto deliberatamente un pezzo di ocra e lo ha utilizzato per incidere un segno simile a un hashtag su un pezzo di pietra? Era destinato a rappresentare un oggetto o persino un concetto astratto? Gli scettici potrebbero affermare che i cancelletti non sono altro che uno scarabocchio, semplicemente un modo con cui alcuni dei primi umani cercavano un collegamento con il mondo in cui vivevano all’epoca. In ogni caso, la scoperta rappresenta un altro entusiasmante sviluppo nella nostra comprensione dei primi umani moderni.

Fonte: Basato su segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Paesi

  • Stati Uniti