Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Mettersi al passo con LARA: Un secondo prototipo di qualità migliore per affrontare il mercato

Il progetto LARA è stato creato nel 2015 per sviluppare un dispositivo mobile che, mettendo insieme tecnologie quali ad esempio GNSS, realtà aumentata, GIS e geodatabase, potesse consentire ai lavoratori delle imprese di pubblici servizi di visualizzare infrastrutture sotterranee relative alla fornitura di acqua, gas, elettricità, eccetera. Questo tipo di vista a «raggi X» permetterebbe ai lavoratori di essere più precisi nei loro lavori, riducendo i costi complessivi, il tempo necessario per la manutenzione e i disagi per il traffico.
Mettersi al passo con LARA: Un secondo prototipo di qualità migliore per affrontare il mercato
Dopo aver testato il primo prototipo nella città greca di Kozani, il sig. Konstantinos Smagas, vice coordinatore del progetto LARA (LBS Augmented Reality Assistive System for Utilities Infrastructure Management through Galileo and EGNOS), in una intervista nella Rivista research*eu lo scorso anno, aveva anticipato l’ingresso nel mercato del loro prodotto entro la fine del 2017, quindi a che punto siamo?

Smagas prosegue il racconto: «Verso la fine dello scorso anno avevamo già due clienti provenienti da Francia e Regno Unito pronti ad adottare la nostra tecnologia, ma nonostante il prodotto stesso fosse pronto per il mercato, ci siamo resi conto che servizi complementari quali assistenza tecnica e canali di distribuzione non erano del tutto a posto».

Abbiamo deciso di posticipare il lancio e di utilizzare quel periodo per apportare miglioramenti al sistema. Come spiega meglio Smagas, «Dalla conclusione del progetto, abbiamo migliorato la precisione e la fruibilità per gli utenti finali, in particolare in relazione al software».

Per fornire un esempio di miglioramenti all’hardware, Smagas cita i sensori del sistema che sono stati selezionati più di due anni fa, ed erano quindi ormai idonei anche per un aggiornamento con le più recenti iterazioni.

Con questi miglioramenti, la squadra sta adesso prendendo in considerazione la fabbricazione di un secondo prototipo di migliore qualità. «Anche se il nostro collaudo e le prestazioni del prototipo hanno avuto esito positivo, ed eravamo già pronti per il mercato con buoni riscontri dai clienti, riteniamo comunque che ci sia margine di miglioramento», aggiunge Smagas. «Vogliamo essere sicuri che quando effettuiamo il lancio, il nostro prodotto riceva un’accoglienza davvero positiva da parte del mercato».

In effetti, l’attenzione per i dettagli della squadra di LARA ha finora pagato, con la vittoria nella European Satellite Navigation Competition, ESNC 2017 Award per il Madrid Challenge, nel novembre 2017.

Al momento della redazione, la squadra stava pianificando di lanciare un demo completo del sistema nella sede di una parte interessata nel Regno Unito.

Fonte: Presentato nella Rivista Research*eu n. 76

Informazioni correlate