Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Potenziare la società dell'informazione a favore dell'occupazione in Europa

Secondo le conclusioni del Consiglio europeo, riunitosi a Colonia il 3 e il 4 giugno 1999, le future opportunità di lavoro saranno create dall'innovazione e dalla società dell'informazione. Riunitosi per discutere i problemi principali che l'UE deve affrontare in seguito all'e...
Secondo le conclusioni del Consiglio europeo, riunitosi a Colonia il 3 e il 4 giugno 1999, le future opportunità di lavoro saranno create dall'innovazione e dalla società dell'informazione. Riunitosi per discutere i problemi principali che l'UE deve affrontare in seguito all'entrata in vigore del Trattato di Amsterdam, il Consiglio europeo ha confermato che la creazione di posti di lavoro continua ad essere la massima priorità dell'Europa e che lo strumento chiave rimane il patto europeo per l'occupazione.
Il Consiglio è convinto che le future opportunità di lavoro nasceranno dalla società dell'informazione. Il quinto programma quadro, con un budget dell'ordine di 15 miliardi di euro, si propone di accelerare il processo di innovazione e di utilizzare al massimo il potenziale di crescita e d'occupazione dell'UE. Più l'Europa sarà competitiva nel settore dell'alta tecnologia, più si creeranno opportunità di occupazione di alto livello qualitativo.
Secondo il Consiglio, è necessario, per esempio, accordare la massima attenzione all'elaborazione del sistema di navigazione satellitare europeo (Galileo), in considerazione della sua importanza strategica. Pertanto, il Consiglio renderà più spedito il dibattito sulla comunicazione della Commissione relativa a tale sistema, con l'intento di ottenere gran parte dei mezzi finanziari da fonti private.
L'Europa, inoltre, deve assumere un ruolo guida nella società dell'informazione e tutte le scuole devono poter disporre quanto prima dell'accesso ad Internet. Il Consiglio europeo ha anche sottolineato l'importanza che l'Europa assuma una posizione leader nel commercio elettronico. È necessario, perciò, sia perfezionare il coordinamento politico per creare un ambiente favorevole, sia adottare velocemente una direttiva che abbia il sostegno dell'industria di tale settore.
Il Consiglio europeo, quindi, invita la Commissione e gli Stati membri a collaborare con le organizzazioni imprenditoriali per individuare ciò che ostacola il veloce sviluppo e la pronta applicazione della tecnologia dell'informazione, nonché ad elaborare proposte per la soluzione dei problemi, tenendo presente le necessità di normalizzazione e di liberalizzazione delle attività economiche.

Informazioni correlate

Programmi