CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Notizie

Italiano IT

Una tecnologia basata sul laser aiuta i medici ad avere un’immagine completa dell’occhio in 3D

Gli scienziati hanno sviluppato una nuova tecnica per accelerare la tomografia dei caratteristici strati della retina e ciò migliorerà la diagnosi delle malattie dell’occhio.

TECNOLOGIE INDUSTRIALI

Progressi scientifici

© Med Photo Studio, Shutterstock

Secondo un articolo apparso sulla rivista «The Lancet Global Health», si stima che, nel 2015, 217 milioni di persone presentavano una disabilità visiva da moderata a grave, mentre 36 milioni erano cieche. L’Organizzazione Mondiale della Sanità calcola che circa l’80 % delle disabilità visive a livello globale sia prevenibile o curabile, perciò la diagnosi precoce è fondamentale per interventi efficaci.

Alcuni ricercatori sostenuti dall’incubatore per l’innovazione fotonica ACTPHAST 4.0 finanziato dall’UE, hanno introdotto «una tecnologia a sorgente luminosa che consente di acquisire immagini complete 3D OCT [tomografia ottica a radiazione coerente] dell’occhio», come indicato in un comunicato stampa pubblicato sul sito web del progetto. La tecnologia, sviluppata da scienziati della Technical University of Denmark (DTU), «viene commercializzata dalla società spin-out dell’università OCTLIGHT ApS. Con il supporto dell’incubatore europeo “one-stop-shop” per l’innovazione fotonica, ACTPHAST 4.0 OCTLIGHT è stata in grado di risolvere una difficoltà critica nella miniaturizzazione del confezionamento di quest’innovativa tecnologia laser per soddisfare le richieste del mercato». La tecnica non invasiva OCT è ampiamente usata dagli oculisti, ma non è abbastanza veloce da poter acquisire un’immagine completa dell’occhio a causa dei continui movimenti oculari.

Miglioramento della diagnosi e del trattamento

Citato nel comunicato stampa, il dott. Thor Ersted Ansbæk, amministratore delegato di OCTLIGHT, afferma: «Il campo visivo e la profondità sono fondamentali per la diagnosi delle malattie della retina. La nostra tecnica consente di rappresentare l’intero occhio, dalla parte anteriore a quella posteriore, in 3D. La scansione è più veloce, in modo da poter riprendere una parte più grande della retina. Permette di fotografare 150 gradi della retina e penetra fino al fondo dell’occhio, consentendo di vedere tutti gli strati della retina». I medici saranno in grado di diagnosticare e trattare meglio le malattie dell’occhio come la cataratta, la retinopatia diabetica e il cancro grazie al metodo laser.

Il comunicato stampa aggiunge: «La chirurgia della cataratta è uno degli interventi più eseguiti in Occidente. L’immagine dell’intero occhio è fondamentale per malattie come la cataratta, in cui il cristallino si offusca e deve essere sostituito. La tomografia 3D dell’occhio consentirà ai chirurghi di capire quale lente usare e pianificare l’operazione in modo molto più accurato rispetto al passato». Il nuovo metodo è utile anche per affrontare patologie come la degenerazione maculare legata all’età che, se non trattata, potrebbe comportare una grave e irreversibile perdita della vista nelle persone di età superiore ai 60 anni.

ACTPHAST 4.0 (ACceleraTing PHotonics innovation for SME’s: a one STop-shop-incubator), che è ancora in corso, è stato avviato per offrire «alle aziende e ai ricercatori nel campo della fotonica e non solo un accesso in modalità sportello unico a un’ampia gamma di piattaforme tecnologiche fotoniche d’avanguardia esistenti provenienti dai migliori centri di ricerca europei», come indicato sul sito web del progetto. Il progetto si concentra sui primi utenti e sui nuovi utilizzatori nei diversi settori di utilizzo finale e fornisce un supporto all’innovazione fotonica tempestivo, efficace ed efficiente in termini di costi. Il sito web del progetto afferma inoltre: «ACTPHAST 4.0 è strettamente allineato con le linee pilota e la produzione di massa nel campo della fotonica in Europa per far progredire senza interruzioni i prototipi di successo sviluppati attraverso l’incubatore del progetto fino alla produzione su larga scala e alla realizzazione di prodotti pronti per il mercato».

Per maggiori informazioni, consultare:
sito web del progetto ACTPHAST 4.0

Paesi

Belgio