Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Prevedere i terremoti più gravi: un successo per i ricercatori europei

Nel corso del secondo workshop UE-Giappone sui rischi sismici e lo studio del comportamento della crosta terrestre durante i terremoti più gravi, si parlerà del successo del progetto PRENLAB, che è riuscito a prevedere il fortissimo terremoto avvenuto in Islanda nel novembre 1...
Nel corso del secondo workshop UE-Giappone sui rischi sismici e lo studio del comportamento della crosta terrestre durante i terremoti più gravi, si parlerà del successo del progetto PRENLAB, che è riuscito a prevedere il fortissimo terremoto avvenuto in Islanda nel novembre 1998. Questa importante scoperta scientifica sembra offrire la possibilità di captare in tempo i primi segni dei terremoti più gravi; i fenomeni sismici sono infatti i più perniciosi fra tutti i disastri naturali, avendo causato la morte di più di 340.000 persone dal 1975 ad oggi.
Il 26 e 27 ottobre 1998, l'università di Edimburgo, in Scozia - partner del progetto PRENLAB finanziato dall'UE - avvertì le autorità islandesi "dell'imminente arrivo di un non specificato terremoto di ampia portata". Dal 10 novembre i ricercatori avvertirono più volte l'Islanda di prepararsi ad affrontare un terremoto di magnitudo pari al 5° o 6° grado della scala Richter. Dopo appena tre giorni, un terremoto del 5° grado della scala Richter fece tremare il suolo islandese nel raggio di 2 km dalla stazione di ricerca che aveva provveduto ai rilevamenti.
Il progetto PRENLAB è solo uno dei progetti presentati al workshop che si terrà a Reykjavik, in Islanda, il 24 e 25 giugno. Obiettivo del workshop sarà intensificare la cooperazione fra l'UE e il Giappone, presentare l'attuale avanguardia in Europa e in Giappone e determinare i settori per una futura cooperazione.

Informazioni correlate

Programmi