Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Interoperabilità dei sistemi d'informazione geografica

Il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha indetto un bando di gara relativo alla definizione di misure che promuovano l'interoperabilità dei sistemi d'informazione geografica (SIG) in Europa.
Il progetto "Sistemi d'informazione geografica" è uno dei progetti dell'Istituto delle applicazioni spaziali ed è destinato a rafforzare la posizione occupata dall'Europa nel mercato dei sistemi d'informazione geografica ed a promuovere l'impiego dei dati d'informazione geografica (IG) mediante l'armonizzazione dei dati di IG e l'interoperabilità dei SIG.
L'obiettivo del presente bando consiste nella definizione di un sistema di misure d'accompagnamento che consentano di migliorare l'interoperabilità dei sistemi d'informazione geografica in Europa nell'ambito di una prospettiva tecnologica.
Le misure oggetto del bando comprendono: valutazione dei progressi tecnologici nel campo dell'interoperabilità dei sistemi d'informazione in generale e dei SIG in particolare; creazione di una vetrina per la dimostrazione dei risultati dei progetti che possiedono sufficiente potenziale per contribuire all'interoperabilità dell'IG e dei SIG; valutazione della fattibilità e definizione di una politica di sostenibilità per la costituzione di un laboratorio d'interoperabilità dei SIG in Europa; promozione delle discussioni tecniche concernenti l'interoperabilità dell'IG/dei SIG ed armonizzazione della strategia d'interoperabilità attraverso discussioni in forum tecnici, incontri di concertazione ed un workshop; assistenza nella divulgazione dell'elevato livello tecnico dei progetti europei correlati con l'interoperabilità dell'IG/dei SIG, mediante la creazione di un servizio informativo sull'interoperabilità dei SIG.
L'offerente deve avere una piena comprensione dei problemi associati con l'interoperabilità dei sistemi informativi in generale e dell'IG/dei SIG in particolare, con esperienza e contatti in tali campi. Le attività saranno svolte in stretto coordinamento con un funzionario scientifico della Commissione.
Il lavoro è suddiviso in un insieme di cinque pacchetti che dovranno essere elaborati in due fasi; la Commissione si riserva il diritto di sospendere la seconda fase in seguito ad una valutazione della prima.