Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Ruolo del Gruppo consultivo esterno per l'azione su prodotti, processi ed organizzazioni innovativi.

Il Gruppo consultivo esterno per la prima azione chiave del programma "Crescita", dal titolo "Prodotti, processi ed organizzazioni innovativi", ha pubblicato recentemente una dichiarazione sui risultati del primo invito a presentare proposte nell'ambito del quinto programma qu...
Il Gruppo consultivo esterno per la prima azione chiave del programma "Crescita", dal titolo "Prodotti, processi ed organizzazioni innovativi", ha pubblicato recentemente una dichiarazione sui risultati del primo invito a presentare proposte nell'ambito del quinto programma quadro.
Delle 354 proposte ricevute, 76 (in gran parte azioni di RST a costi ripartiti) sono state selezionate per la trattativa, con uno stanziamento complessivo di 145 milioni di euro. Più di 600 organizzazioni hanno risposto all'invito, trenta delle quali appartenenti a paesi dell'Europa centrale ed orientale.
Il Gruppo ha avuto modo di osservare come la percentuale di successo delle proposte per la prima azione chiave fosse di circa il 20 per cento, risultato assimilabile alla media dei primi bandi del 5PQ, ma inferiore a quello registrato nel resto del programma "Crescita". Particolarmente significativa è stata la partecipazione dell'industria, con circa il 60 per cento dei partecipanti selezionati, di cui il 50 per cento è rappresentato da piccole e medie imprese (PMI). Per la prima volta la partecipazione delle PMI ha superato quella delle grandi imprese. Scarsi risultati si sono tuttavia registrati relativamente al raggruppamento di progetti.
Il Gruppo ha osservato con piacere come la Commissione avesse seguito la sua raccomandazione di organizzare campagne di sensibilizzazione per la promozione di proposte integralmente in linea con gli obiettivi della prima azione chiave. Da novembre a gennaio si terrà in tutta Europa una serie di manifestazioni organizzate in collaborazione con i punti nazionali di contatto (NCP, national contact points) degli Stati membri, con lo scopo di fornire informazioni ai potenziali proponenti del secondo invito a presentare proposte, previsto per il 15 dicembre 1999. Il calendario di tali manifestazioni è disponibile sul sito web di CORDIS all'indirizzo http://cordis.europa.eu/growth/src/ev-k1-1.htm.
Tali manifestazioni intendono comunicare gli obiettivi della prima azione chiave individuati dal Gruppo: contribuire al processo di ammodernamento dell'industria, migliorare la qualità generale nella catena del valore, riducendo l'inefficienza e i costi del prodotto, e rendere minimo il consumo di risorse, riducendo l'impatto sul ciclo di vita della prestazione e dell'uso di servizi e prodotti.
Il Gruppo ha preso inoltre in esame i risultati dell'invito relativo alle attività generiche di "ricerca sui materiali e sull'acciaio". A tali attività sono stati attribuiti i seguenti obiettivi specifici: sostegno alle applicazioni dei materiali avanzati necessarie per una migliore qualità della vita, sviluppo di una produzione di materiali e di tecnologie di trasformazione sostenibili, incremento della sicurezza e dell'affidabilità e promozione di un impiego e reimpiego efficienti dei materiali. In vista della scadenza del trattato CECA nel 2002 ed a seguito delle conclusioni del vertice di Amsterdam del 1997, si è manifestata l'urgenza di dare nuovo impulso all'inserimento progressivo della ricerca sul carbone e l'acciaio nei programmi quadro comunitari.
Delle 197 proposte di ricerca sui materiali e sull'acciaio, ne sono state selezionate 62 per la trattativa che prevede uno stanziamento di 105 milioni di euro.
Il Gruppo ha osservato come fosse evidente l'adozione dell'approccio orientato alla risoluzione dei problemi richiesto dalla Commissione e come tutte le proposte di alta qualità che hanno seguito tale approccio fossero state selezionate. Le proposte vertevano sull'impiego della ricerca sui materiali per risolvere problemi di natura sociale ed industriale; allo stesso tempo appariva evidente la forte partecipazione dell'industria, potenziale utente dei materiali. La percentuale di successo di uno a tre è stata considerata dal Gruppo "soddisfacente", nonostante si fosse osservato che anche in questo caso, come per la prima azione chiave, il raggruppamento di progetti avesse avuto scarso successo.
Dalla sua costituzione nell'ottobre 1998, il Gruppo si è riunito sei volte. Il prossimo incontro, che si terrà il 10 dicembre, sarà aperto ad esperti esterni al Gruppo allo scopo di discutere le prospettive di ricerca a più lungo termine in un forum di "riflessione".
Finora la Commissione ha mostrato soddisfazione in merito ai contributi del Gruppo. "Il Gruppo ha dimostrato un buon atteggiamento collaborativo e la frequenza è stata incoraggiante", ha osservato un funzionario della Commissione.
La stima è del resto reciproca. "Lavoriamo benissimo insieme", ha commentato il presidente del Gruppo Hans Pedersen, vicepresidente per la pianificazione aziendale presso l'azienda danese Danfoss. "Abbiamo visto come molte delle nostre proposte siano state accolte, e questo è un risultato incoraggiante per noi. Dobbiamo lavorare insieme per migliorare la ricerca in Europa a vantaggio degli europei".

Informazioni correlate

Programmi