Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il Consiglio prepara il prossimo programma quadro

Secondo il Consiglio "Ricerca", riunitosi a Bruxelles il 2 dicembre 1999, la preparazione del prossimo programma quadro dell'UE deve essere più breve, più efficiente e più trasparente. Insieme alla Commissione ed al Parlamento europeo, il Consiglio studierà modalità nuove per ...
Secondo il Consiglio "Ricerca", riunitosi a Bruxelles il 2 dicembre 1999, la preparazione del prossimo programma quadro dell'UE deve essere più breve, più efficiente e più trasparente. Insieme alla Commissione ed al Parlamento europeo, il Consiglio studierà modalità nuove per raggiungere un accordo più rapidamente che in passato e, in particolare, in quale modo il nuovo trattato, sopprimendo il requisito dell'unanimità al Consiglio, possa agevolare questo processo.
All'inizio del 2000, di concerto con Parlamento e Consiglio, la Commissione elaborerà un calendario provvisorio al fine di preparare e prendere le decisioni legislative necessarie per il prossimo programma quadro. Lo scopo è infatti quello di avere pronte tutte le decisioni sei mesi prima dell'inizio del programma, per concludere la procedura entro due anni. Merita ricordare che l'attuale programma quadro (il quinto) scadrà nel 2002.
I ministri hanno inoltre approvato una risoluzione su una strategia spaziale europea, con la quale il Consiglio riconosce l'esigenza di un impegno e di investimenti a lungo termine: solo così l'Europa potrà dotarsi delle capacità industriali, scientifiche e tecnologiche per svolgere un ruolo significativo nell'affrontare le sfide commerciali e strategiche della società dell'informazione con il supporto di infrastrutture satellitari. La Commissione viene incaricata di preparare, in collaborazione con l'Agenzia spaziale europea e consultando gli Stati membri, una strategia spaziale europea globale e coerente.
Il Consiglio ha sostenuto le proposte della Commissione relative allo smantellamento di strutture nucleari obsolete del Centro comune di ricerca, ma ha precisato che, se a breve termine la proposta di utilizzare i fondi esistenti è accettabile, per il futuro si dovrà prevedere la creazione di un'apposita linea di bilancio.

I ministri hanno concordato di continuare il programma sul reattore ad alto flusso di Petten (Paesi Bassi) dal 2000 al 2003 ed hanno approvato le decisioni per la conclusione di accordi di cooperazione scientifica e tecnologica fra l'UE e Argentina e Cina. Tali accordi entreranno in vigore quando ambedue le parti avranno concluso la procedura di ratifica. Gli esatti settori di cooperazione variano a seconda del paese interessato, ma in generale coincidono con la prima attività del quinto programma quadro.

Argomenti

Politiche