Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Prodi vara l'iniziativa "eEurope" per l'Europa

Il Presidente della Commissione europea Romano Prodi ha di recente varato un'iniziativa che intende offrire a tutti i cittadini europei i vantaggi della società dell'informazione.
Egli ha dichiarato che l'iniziativa "eEurope", che pone l'accento su dieci settori prioritari, tr...
Il Presidente della Commissione europea Romano Prodi ha di recente varato un'iniziativa che intende offrire a tutti i cittadini europei i vantaggi della società dell'informazione.
Egli ha dichiarato che l'iniziativa "eEurope", che pone l'accento su dieci settori prioritari, tra cui l'istruzione, i trasporti e la sanità, costituirà una sua priorità in occasione del Consiglio europeo che si terrà ad Helsinki il 10 dicembre 1999. Sarà inoltre all'ordine del giorno del Consiglio europeo straordinario che si svolgerà a Lisbona nel marzo del 2000.
Prodi ha affermato: "Questi cambiamenti, i più importanti dall'epoca della rivoluzione industriale, sono di vasta portata e globali. Gestire tale trasformazione rappresenta una delle principali sfide economiche e sociali che oggi l'Europa si trova ad affrontare".
"L'iniziativa 'eEurope' intende costituire un contributo per affrontare con successo queste sfide, accelerando così l'ammodernamento dell'economia europea, con un impatto positivo sull'occupazione, sulla crescita, sulla produttività e sulla coesione sociale."
Il commissario per le Imprese e la Società dell'informazione Erkki Liikanen, che ha coordinato la preparazione dell'iniziativa, ha dichiarato: "Le tecnologie ed i mercati si muovono oggi molto più rapidamente di quanto non sia forse mai accaduto prima nella storia economica". Ha poi aggiunto: "Non c'è tempo per aspettare che le attuali politiche degli Stati membri e della Commissione producano risultati. Occorre compiere uno sforzo significativo per far evolvere le politiche chiave. Ecco perché è necessario adottare ora un'iniziativa, ecco il perché di 'eEurope' ".
Tra gli obiettivi chiave dell'iniziativa figurano: collegare on line tutta l'Europa, dare una cultura digitale a tutti gli europei e garantire che il processo abbia una vocazione all'integrazione sociale.
L'iniziativa verrà attuata durante la prossima Presidenza portoghese con la collaborazione della Commissione e degli Stati membri. L'obiettivo è la sua adozione durante il Consiglio europeo sull'occupazione, sulla riforma economica e sulla coesione sociale dal titolo "Towards a Europe of Innovation and Knowledge" (Verso un'Europa dell'innovazione e del sapere), che si terrà in marzo a Lisbona. Essa verrà ulteriormente sviluppata nel corso di una speciale conferenza ministeriale sulla società dell'informazione che si svolgerà sempre a Lisbona, un mese più tardi.

Informazioni correlate